Lo yoga e gli atleti. Una risorsa nei percorsi di Psicologia dello Sport

Da molti anni ormai lo YOGA entra con me nella “stanza delle parole”: forse perché è stato il primo approdo “sicuro” dopo la mia difficile interruzione agonistica, forse perché negli anni ho sperimentato personalmente gli effetti propulsivi di alcune pratiche o forse perché nel tempo ho sentito il bisogno di promuovere e permettere l’esperienza yogica nella mia professione di Psicologa dello Sport.

Ciò che ho potuto apprezzare attraverso i racconti degli atleti di diverse discipline (sia individuali che di squadra) , va ben oltre ogni possibile aspettativa: ho avuto spesso l’impressione che nella vita e nell’esperienza dei giovani atleti adolescenti fosse necessario “istituire” uno spazio “protetto” in cui fermarsi e ri-connettere mente e corpo, senza avere necessariamente obiettivi da raggiungere o prestazioni da realizzare.

Per questo ho iniziato da semplici, ma efficaci pratiche di PRANAYAMA, che inizialmente ho presentato semplicemente con il nome di “respiro consapevole”.

Oltre all’esperienza guidata e orientata di una tecnica alla volta, ho spiegato ai ragazzi quali effetti potessero avere le singole pratiche, che successivamente abbiamo introdotto nelle loro routine pre-gara e post-gara, con l’OBIETTIVO di favorire il RECUPERO dell’ENERGIA, la regolazione dei picchi di attivazione neurofisiologica (arousal) o, al contrario, per potenziare l’attivazione simpatica e il reclutamento delle energie psicofisiche ed emozionali in prossimità di una gara (o subito dopo).
Gli atleti, anno dopo anno, hanno sperimentato e condiviso con me gli EFFETTI psichici, fisici ed emozionali che le varie pratiche di PRANAYAMA, hanno avuto sulla loro vita e sulle loro performances, in allenamenti e gare .

Ognuno dei ragazzi ha “eletto”un paio di pratiche “amiche”, da allenare e portare sempre (più o meno visibilmente) con sé nel quotidiano, ma anche in trasferta e in “camera di chiamata”(quello spazio in cui devono transitare gli atleti immediatamente prima di entrare in GARA e nel quale si attivano STATI EMOZIONALI molto intensi e di difficile gestione), fino ad arrivare ai blocchi di partenza.

Lo yoga infatti si è “innestato” sulle loro routine “a secco”, prima di allenamenti e gare, trasformando i gesti routinari e meccanici di riscaldamento, in SEQUENZE CONSAPEVOLI guidate dal respiro, con una gradualità capace di FOCALIZZARE la loro mente senza controllarla e abbassando la critica e il giudizio interiore.

Nel tempo abbiamo inoltre introdotto alcune esperienze di YOGA NIDRA ®️,una tecnica di RILASSAMENTO profondo, secondo il Metodo Satyananda Ashram Italia®️, con approfondimenti e visualizzazioni differenti, in relazione al tempo disponibile, ai bisogni specifici dei ragazzi e al contesto di gara “soggettivamente” percepito .

Talvolta ho registrato le pratiche “guidate” con dei clip audio, in modo che gli atleti potessero ri-ascoltarle e farne esperienza anche in autonomia e a distanza.

Questi aspetti dello YOGA fanno ormai parte della mia metodologia clinica e mi restituiscono sempre più nel tempo, la rilevanza e la trasversalità che lo YOGA riveste in diversi ambiti applicativi .

Continuerò con fiducia a proporre e a promuovere l’esperienza yogica nella preparazione psicologica dell’ATLETA , perché il benessere fisico , la consapevolezza mentale e il bilanciamento energetico ed emozionale, possono promuovere, in modo ecologico e naturale, l’espressione del proprio potenziale, ma anche favorire una preziosa CONSAPEVOLEZZA di SÈ, da portare ben oltre la dimensione agonistica .

Recupera tutti i contributi di SWIM WIN 

Ph. ©G.Scala/Deepbluemedia

Articoli correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING

1° Livorno Winter Meet

Livorno
17-12-22

Laus Christmas Cup

Lodi
18-12-22

1ª Libertas Winter Cup

Lignano Sabbiadoro
28-12-22
Le foto di Greg: la passione di Paltrinieri - episodio 2

Le foto di Greg: la passione di Paltrini...

https://www.youtube.com/watch?v=QjR3SHWx0c0&list=PLY33wOxcv_HIgftpaD2VC2s8kL_R570L_&index=2 Nella seconda puntata della serie “Le foto di Greg” ci troveremo a parlare del fotografo americano Todd Hido. Concluderemo ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu