Caso Horton: la risposta dei coach australiani

L’ASCTA, l’associazione degli allenatori e istruttori di nuoto australiani, invita la FINA a seguire l’esempio della International Swimming League (ISL) e ad adottare un approccio di tolleranza zero al tema del doping anziché, si legge in una nota dell’Associazione, “inviare lettere insensate agli atleti puliti che prendono posizione”.

Leggi la news su Swimming World Magazine

Ph. ©G.Scala/DeepBlueMedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Adam Peaty: "... Se avessi avuto un piede rotto, avrei nuotato con uno"

Adam Peaty: “… Se avessi avu...

Adam Peaty (27) a poche ore dall'ufficialità della sua presenza ai Giochi del Commonwealth ed ai Campionati Europei di Roma, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu