Australia second/7

La seconda gara di Fredrick Lane alle olimpiadi di Parigi furono i 200 a ostacoli, le cui batterie si svolgevano l’undici agosto del 1900, dopo la prova dei 200 stile libero. La gara consisteva nell’arrampicarsi in cima ad una pertica, lasciarsi cadere, superare una fila di barche salendoci sopra per ritornare indietro nuotando, passandoci sotto. Una prova di abilità più che una competizione atletica. Perfetta per il vecchio “Giochi senza Frontiere”, meno per le nostre abitudini olimpiche. Freddie vinse la prima eliminatoria in 3’04.0, davanti a quel Rupert che gli stava davanti nella prova a stile libero. Nella seconda eliminatoria invece vinse Otto Whale, austriaco, che fece il tempone (2’26,0). Nella terza  Peter Kemp, inglese, che arrivò in 3 minuti e 12 secondi. Niente di che preoccuparsi.

La finale si svolse il giorno dopo, il dodici, 45 minuti dopo che Lane ebbe vinto la prova dei 200 stile. Whale c’era, e aveva tutta l’intenzione di arrivare primo. Per questo aveva lasciato l’altra finale, quella che per l’appunto aveva vinto Lane. Questa volta l’uomo da battere era lui.

La gara fu combattutissima ma fu Lane a scamparla. Forse ad avvantaggiarlo fu il fatto che sulle barche del porto di Sidney lui ci lavorava, per cui sapeva benissimo che per salire velocemente occorreva farlo da poppa e non dal lato. Il suo tempo fu 2’38,4, quello di Whale 2’40. La concitazione probabilmente, aveva frenato l’austriaco. Ma forse era Lane, che quand’era sotto pressione, ci sapeva davvero fare. Nella foto la partenza di Lane nei 200 stile libero.

 

Per chi non potesse rimanere aggiornato tramite il web e/o i social ecco il nostro canale Telegram.

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

Campionati Europei

BUDAPEST
10-05-21

XXXII Giochi Olimpici

TOKYO
23-07-21
Gli Assoluti post-Covid di Bori e Miressi dopo 34 giorni di stop: le parole di coach Antonio Satta

Gli Assoluti post-Covid di Bori e Miress...

Abbiamo raggiunto il tecnico torinese Antonio Satta per una riflessione dopo i Campionati Italiani Assoluti Primaverili di Riccione che hanno ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu