Russia. Tokyo 2020 a rischio?

Secondo quanto riferito dai giornalisti Hajo Seppelti e Nick Butler, dell’emittente televisiva pubblica tedesca ARD, ci sarebbero ancora dubbi sull’ex laboratorio antidoping di Mosca, RUSADA (l’agenzia antidoping della Russia) sarebbe sotto accusa per aver manipolato i dati consegnati alla WADA i cui risultati sono decisivi per la sua riammissione nell’agenzia mondiale antidoping.

Il giornalista Hajo Seppelti è già noto per il documentario denuncia “Doping confidenziale: come la Russia fabbrica i suoi vincitori” trasmesso in Germania dall’ARD nel 2014.

L’Agenzia mondiale antidoping ha dato alla Russia tre settimane di tempo (indicati 21 giorni) per rispondere ai cambiamenti individuati nella banca dati del laboratorio di Mosca.

Da RUSADA arriva immediata la replica alle accuse dei giornalisti ARD tramite Margarita Pakhnotskaya: «Prima di commentare bisogna aspettare comunicazioni ufficiali. C’è stato soltanto un report provvisorio sul sito ufficiale della WADA, nel quale è scritto che stanno analizzando i dati per capirne l’autenticità e se essi siano stati in qualche modo modificati. Ma non c’è alcun rapporto ufficiale che il comitato di conformità avrebbe presentato alla WADA».

Il WADA Compliance Review Committee presenterà lunedì prossimo un rapporto sulle attività del laboratorio antidoping di Mosca. Prima di questo è quindi prematuro parlare di manipolazione dei dati. «Sarebbe prematuro discutere di questo prima che il Compliance Committee presenti la propria relazione nel nostro comitato esecutivo di lunedì. I risultati di questo rapporto saranno resi noti dopo questa riunione».

Se venisse confermata la manipolazione dei dati del laboratorio di Mosca lo sport russo rischierebbe seriamente la partecipazione ai Giochi olimpici di Tokyo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Bracciate azzurre - Gregorio Paltrinieri si tuffa verso Tokyo: "All'Olimpiade per provare il colpo triplo"

Bracciate azzurre – Gregorio Paltr...

Dulcis in fundo. Nell’ultimo giorno del Campionato Italiano Open, si tuffa in vasca anche il campione olimpico dei 1500 stile ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu