“I sogni non hanno età”

Intercettiamo Rachele Bruni nel breve intervallo fra l’ennesimo trionfo in World Cup e l’avvio del rush finale che la porterà verso le Olimpiadi di Tokyo dove cercherà di difendere e possibilmente migliorare l’argento di Rio 2016.

Nuoto•com: Innanzitutto complimenti! Dove si trovano voglia e motivazioni per competere ad alto livello in uno sport logorante come il nuoto in acque libere alla soglia dei 29 anni?

Rachele Bruni: Penso che l’età biologica spesso non corrisponda a quella dei sogni e delle aspettative. Gli anni passano, ma non passa la voglia di vivere  l’adrenalina di certe competizioni. Sicuramente quello che cambia, specialmente per chi come me fa uno sport di endurance, è l’approccio alla fatica e alla stanchezza con  la consapevolezza che ho bisogno di più tempo per recuperare le forze, rispetto a un po’ di anni fa.

NPC: Come pensi di essere cambiata, come atleta e come persona, nel corso degli anni? In particolare, come si è modificato l’approccio mentale alle gare (se si è modificato)

RB: Sicuramente negli anni sono divenuta un’atleta più costante. Da quando mi alleno a Roma con Fabrizio Antonelli ho iniziato ad avere le prime soddisfazioni e poi grandi gioie nella 10km, perché grazie al lavoro svolto con il mio allenatore ho iniziato a credere di più in me stessa e in quello che potevo fare.

NPC: Quali sono le aspettative per l’anno olimpico? E cosa dobbiamo aspettarci da Rachele Bruni dopo Tokyo?

RB: Le aspettative per l’anno olimpico sono quelle di rimanere concentrata e trovare la condizione perfetta. Durante l’anno ogni singolo allenamento e ogni singola gara saranno un ponte per arrivare alla 10km olimpica, sono i soliti diecimila metri  ma servirà tutto questo anno per definirli al meglio. Al dopo Tokyo per ora non penso, non posso guardare a più di un obiettivo.

NPC: L’esperienza e i successi raccolti negli anni hanno modificato il tuo rapporto con l’allenatore? In particolare, sei un’atleta che si affida completamente al tecnico o gradisci essere coinvolta nella definizione dei programmi di allenamento?

RB: Mi affido completamente a Fabrizio, perché è grazie a lui che sono migliorata e cresciuta in questa distanza. Lui ha trovato la strada giusta da percorrere con me e io mi fido di ogni cosa che lui mi dice poiché si rivela sempre come la migliore.

NPC: Che rapporto hai con le nuove tecnologie e con i social in particolare? Li gestisci autonomamente o hai uno staff che se ne occupa?

RB: Diciamo che i social non sono proprio i miei miglior amici, o meglio mi piace guardare cosa succede, ma non sono una persona particolarmente attiva nel pubblicare storie o post. Gestisco tutto da me.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu