Bollettino di guerra/2

Continua l’odissea degli atleti della piscina di Muggiò (Como), chiusa a tempo indeterminato in attesa di lavori di manutenzione straordinaria. “Per i ragazzi è un disastro, siamo alla disperazione” lamenta il presidente della Como Nuoto Mario Bulgheroni, parlando di “situazione disperata. Complessivamente, per le diverse società coinvolte parliamo di circa 1200 bambini e ragazzi costretti a vagare da una piscina all’altra per poter nuotare. Molte famiglie stanno rinunciando all’attività sportiva dei figli perché la situazione è insostenibile”. La piscina di Muggiò è chiusa dallo scorso mese di luglio e al momento non è possibile sapere quando le vasche saranno riaperte.

Leggi la notizia sul Corriere della Sera

Prosegue lo scontro fra il Comune di Cremona e il gestore uscente, che impugna di fronte al Consiglio di Stato la sentenza del TAR Brescia che ha dichiarata legittima la risoluzione del contratto per la concessione della piscina comunale.

Leggi la notizia su Welfare Network

Brutta disavventura per gli amici di Hidron (Campi Bisenzio, FI). Una banda di incappucciati ha sradicato lo sportello bancomat interno alla struttura, perdendolo poi lungo la strada. Ingenti i danni alla struttura.

Leggi la notizia su Repubblica

A Cava de’ Tirreni l’Amministrazione comunale chiude il contenzioso con i gestori rinunciando ai crediti vantati e riducendo il canone di affitto.

Leggi la notizia su Lared

A Poggioreale l’accesso alla piscina è stato interdetto a causa di rischi di crollo del solaio.

Leggi la notizia su Internapoli

Ph. ©Pexels

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
"È la testa che fa la differenza"

“È la testa che fa la differenza&#...

Nuoto•com: Quando è nata la tua passione per le acque libere? Edoardo Stochino: La mia passione per le acque libere ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu