Certificato di collaudo statico presupposto necessario per il Certificato di agibilità

Il TAR Calabria ha pronunciato una sentenza destinata ad avere enormi ripercussioni nell’edilizia privata e pubblica e, segnatamente, sugli impianti sportivi in generale e natatori in particolare.

Sono infatti state pubblicate le motivazioni  del pronunciamento n. 584 del 8/10/2019, che nega l’equipollenza fra certificazione di idoneità statica, resa nelle forme della perizia giurata da un professionista a ciò abilitato, e certificato di collaudo statico.

Pertanto, per gli edifici con opere strutturali in cemento armato costruiti dopo l’entrata in vigore della Legge n.1086/71, la mancanza del certificato di collaudo non è formalmente giustificabile e la richiesta di agibilità deve essere accompagnata da una vera e propria denuncia delle opere strutturali “a posteriori”, se non già presente, e dal successivo collaudo statico.

Leggi la sentenza integrale

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Martina Grimaldi: "Dopo la maternità vorrei tornare in acqua, ma immagino anche un futuro a bordo vasca"

Martina Grimaldi: “Dopo la materni...

Abbiamo avuto il piacere di fare una bella chiacchierata con Martina Grimaldi, campionessa mondiale (Barcellona 2013) ed europea (Berlino 2014) ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu