Il bouquet olimpico come segnale di recupero

Presentato ufficialmente il bouquet olimpico per gli atleti che saliranno sul podio dei  Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020, saranno creati utilizzando fiori coltivati nella regione di Tohoku, nel nord-est del Giappone, i fiori arrivano da aziende situate nelle tre prefetture (Fukushima, Miyagi, Iwate) più colpite dal terremoto e dal maremoto dell’11 marzo 2011, a  tutt’oggi il più potente mai misurato in Giappone e il quarto a livello mondiale, scelta adottata proprio per dare un importante segnalo di recupero.

I mazzi per le Olimpiadi avranno al centro i girasoli, quelli delle Paralimpiadi invece le rose, entrambi fiori provenienti dalla prefettura di Miyagi, saranno circondati dalla eustoma di Fukushima e la genziana di Iwate.

Gli organizzatori hanno dichiarato che saranno preparati un totale di 5.000 mazzi, larghi 17 centimetri e alti da 28 a 30 cm.

Spero che i fiori aiutino ad esprimere il nostro apprezzamento per le persone in tutto il mondo che hanno mostrato grande considerazione a seguito del disastro del 2011 e possano diventare fonte di incoraggiamento per le vittime della calamità“, ha dichiarato Nobuo Isomura, Presidente di un’associazione nazionale di coltivatori di fiori.

Le mascotte olimpiche e paralimpiche, Miraitowa e Someity, saranno assemblate con il bouquet.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il Team Veneto saluta il suo capitano

Il Team Veneto saluta il suo capitano

Il Team Veneto oltre che ad essere una grande squadra si caratterizza per essere una grande famiglia. Chiunque si avvicini ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu