Margherita Panziera: “Allenamenti sempre più difficili per andare sempre più forte”

Margherita Panziera ha scalato con pazienza le graduatorie del dorso nazionale e internazionale, “esplodendo” mediaticamente grazie al titolo europeo conquistato nella distanza doppia a Glasgow nel 2018. Reduce da un Mondiale nel quale ha conseguito risultati prestigiosi (4° posto nei 200 dorso e con la 4×100 mista) ma per sua stessa ammissione non pienamente soddisfacenti e da una laurea in economia aziendale, attualmente è iscritta al corso di laurea magistrale in Marketing presso grazie al programma LUISS Sport Academy.
Nativa di Montebelluna, è in ordine di tempo l’ultimo gioiello prodotto dalla scuola di Bane Dinic ma da qualche anno si è trasferita a Roma dove nuota per i colori del Circolo Canottieri Aniene sotto la guida di Gianluca Belfiore.

Nuoto:com: Come affronti “l’ultimo miglio” verso Tokyo 2020?

Margherita Panziera: Questo è senza dubbio l’anno più importante della mia carriera: l’obiettivo sarà quello di fare allenamenti sempre più difficili e di andare più forte; per questo motivo farò parecchi collegiali all’estero, soprattutto in altura.

NPC: Non è momento di bilanci, ma che giudizio dai della tua carriera fino a questo punto?

MP: Rispetto ad altre nuotatrici io ho iniziato tardi la mia carriera da professionista, ma sono soddisfatta di come sia riuscita piano piano a migliorarmi sempre di più sia come atleta che come persona per arrivare dove sono ora. Adesso bisogna continuare ad aggiungere tasselli in più.

NPC: Dopo le olimpiadi pensi di ampliare il range delle tue gare?

MP: Mi divertirebbe molto poter gareggiare nei 100 e 200 stile, ma so che c’è molto lavoro da fare dal punto di vista tecnico, la mia priorità rimarrà comunque il dorso.

NPC: Quanta importanza dai alla preparazione mentale?

MP: In questi ultimi anni ho capito che la testa è fondamentale, ognuno deve capire come raggiungere la serenità e la concentrazione pre-gara. Penso che il lavoro con uno psicologo possa essere d’aiuto, insieme all’esperienza in vasca.

NPC: Sei una dei tanti esponenti del nuoto veneto ad aver raggiunto l’élite nazionale e internazionale. A cosa attribuisci il grande peso specifico della tua regione nel nostro sport?

MP: In Veneto siamo fortunati ad avere molte piscine e società che danno il cento per cento per coltivare atleti di un certo livello. E forse ci contraddistingue anche la “fame”.

NPC: Come riesci a conciliare sport e studio?

MP: I miei genitori mi hanno cresciuta insegnandomi l’importanza della scuola e al liceo ho sempre dato la priorità a questo… Mi è servito ad imparare a gestire il poco tempo a disposizione e a trovare la voglia di studiare anche alla fine di una giornata tremenda. Ora le mie priorità sono cambiate ma sono riuscita a trovare un metodo di studio che mi aiuta ad andare avanti con il mio percorso universitario. L’importante è sapere organizzarsi e trovare la giusta motivazione.

NPC: Che rapporto hai con le nuove tecnologie e con i social in particolare? Te ne occupi da sola o hai un team che ti assiste?

MP: Sono un’appassionata di social network perché li vedo come un’opportunità per esprimersi e far conoscere agli altri il vero sé stesso, che spesso magari non traspare sui giornali o nelle interviste in TV. Personalmente preferisco gestire da sola i miei profili, ma se ho un dubbio oppure ho bisogno di un consiglio ho sempre la mia agente (la società di management che gestisce i diritti di immagine di Margherita è DAO Spa, ndr) a disposizione per aiutarmi.

NPC: C’è qualcosa che vuoi aggiungere per i lettori di Nuoto•com?

MP: Ci tengo a mandare un grande saluto a tutti i lettori del sito! Mi raccomando, continuate a seguirmi ed a sostenermi; come detto questo sarà un anno per me fondamentale ed ora più che mai ho bisogno di tutto il vostro supporto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu