Swimming Australia. Il coronavirus “trascende lo sport”

Le Olimpiadi di Tokyo si presentano come una competizione compromessa e incapace di sostenere la carta del fair play dei Giochi, questa la sintesi del pensiero dei nuotatori australiani e  dell’amministratore delegato di Swimming Australia, Leigh Russell, che ha dichiarato che l’emergenza coronavirus è “qualcosa che trascende lo sport” e ritiene che le gravi restrizioni imposte in tutto il mondo rendano impossibile che i Giochi possano svolgersi in condizioni di parità.

Qui l’articolo integrale di SBS News con alcune dichiarazioni del capo allenatore del nuoto australiano Jacco Verhaeren

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu