Barelli: “società in agonia, serve sostegno concreto”

Un grido di allarme, quello del Presidente Paolo Barelli per voce dell’agenzia di stampa ANSA, ripreso dal sito Federnuoto.
A distanza di un mese dalla chiusura degli impianti crescono le preoccupazioni e la situazione diventa sempre più problematica.

“Dopo oltre un mese di chiusura le società sportive del nuoto sono all’ultimo respiro. Le piscine sono strutture costosissime da mantenere, ma gli utenti le troveranno ancora aperte quando il virus sparirà? O le società sportive spariranno con le piscine perché fallite non reggendo il colpo mortale del blocco?”. Così all’ANSA il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, interviene sulla crisi del settore a causa della pandemia, chiedendo “un sostegno economico concreto in favore delle società sportive, perché sono una risorsa insostituibile”. “Le societa’ di nuoto hanno insegnato a nuotare a generazioni di italiani permettendo, oltre all’attività motoria, la diminuzione drastica dei morti per annegamento – sottolinea Barelli – Hanno svolto nel silenzio un ruolo di grande importanza sociale: insegnare a nuotare e creare tanti campioni; ma ben più importante insegnare a salvare la propria vita in acqua e quella degli altri”. “Quindi – conclude – non va calcolato solo il danno sportivo in termini di campioni che sarà difficile mantenere e in futuro formare. Il danno sociale per la morte del nuoto in italia più grave sarà il venir meno delle attività volte alla salvaguardia della vita umana in acqua”.

Da Federnuoto.it

Su ANSA 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu