“Sognare, credere e perseverare” la Coventry lancia un progetto per gli atleti

Campionessa non solo in campo, vasca o corsia. In questi mesi di pandemia da Coronavirus, Kirsty Coventry ha annunciato un progetto di soccorso tramite una piattaforma per atleti e artisti dello Zimbabwe.

La Coventry, Ministro della gioventù, dello sport, delle arti e del divertimento ha dichiarato: “Abbiamo avviato un’iniziativa chiamata UPAZIM che si prefigge tre obiettivi: prima di tutto vogliamo creare unità tra di noi, in secondo luogo vogliamo creare consapevolezza, ed in ultimo vogliamo creare un fondo di soccorso per gli atleti e gli artisti – continua la campionessa – vorrei ringraziare tutti gli artisti e gli atleti che stanno entrando a far parte della mia squadra e per aver contribuito a creare tutto questo.”

Al momento lo Zimbabwe ha annunciato 31 casi di Coronavirus, con quattro decessi registrati.

Ad oggi il lockdown nello Stato Africano è stato esteso dal presidente Emerson Mnangagwa, fino al 3 Maggio.

 

È l’atleta Olimpionica con il maggior successo nella storia del continente africano grazie alla partecipazione a ben cinque edizioni dei Giochi Olimpici: Sydney 2000, Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012 (in cui è stata portabandiera per la sua nazione, lo Zimbabwe) e Rio 2016.

Ha vinto sette medaglie ai Giochi Olimpici: oro nei 200 dorso ai Giochi di Atene 2004, argento nei 100 dorso e bronzo nei 200 misti. Quattro medaglie a Pechino 2008: si è confermata campionessa Olimpica nei 200 dorso con record del Mondo, argento nei 100 dorso, nei 200 misti e nei 400 misti.

Ha vinto tredici medaglie ai Campionati del Mondo: otto in vasca lunga e cinque in vasca corta. Campionessa del Mondo nei 100 e 200 dorso a Montréal 2005 (vasca lunga) e poi nuovamente a Manchester 2008 (vasca corta) nei 100 e 200 dorso (in quest’ultima gara con record del mondo).

L’anno successivo ha vinto ancora il titolo di Campionessa del Mondo sempre nei 200 dorso nella spettacolare cornice del Foro Italico: a Roma 2009 fu ancora record del Mondo.

Appeso il costume al chiudo, la dorsista Africana, assieme a suo marito Tyrone Seward,  ha costituito un’organizzazione no-profit la Kirsty Coventry Academy, che prevede lezioni di coaching e nuoto, ad altissimo livello ma con prezzi accessibili. 

Nel 2013 Kirsty Coventry e suo marito, hanno creato un programma sportivo per zone a basso reddito. Il progetto si chiama HEROES e istituzionalmente si prefigge di responsabilizzare i bambini attraverso lo sport.

Per strutturare la loro idea, hanno dovuto girare in dieci province dello Zimbabwe per ispirare i giovani a diventare i loro eroi.

Obiettivo primario del progetto è dare ai bambini la speranza e l’ispirazione, successivamente di far scoprire come poter sfruttare il potere dello sport a beneficio loro e delle loro famiglie.

Il sito dell’associazione HEROES

Con il progetto, finanziato dalla Fondazione Princess Charlene di Monaco, oltre alle lezioni di nuoto per salvare vite umane attraverso la prevenzione all’annegamento, vengono forniti aiuti per pagare le tasse scolastiche tramite borse di studio e prevenire malattie attraverso l’attività fisica.

 

Oltre ad aver raggiunto un palmares ricco da nuotatrice, la Coventry da sei anni può vantare anche una carriera nel CIO:

  • dal 2014 ad oggi membro del Consiglio Direttivo
  • dal 2014 ad oggi membro del coordinamento dei Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo 2020
  • dal 2016 al 2017 membro per la valutazione dei Giochi della XXXIII Olimpiade del 2024
  • dal 2016 al 2018 membro agli affari pubblici e sviluppo sociale attraverso lo sport
  • dal 2018 ad oggi membro alla valutazione per i Giochi olimpici della gioventù 2022 di Dakar e Presidente della Commissione di coordinamento

Il Profilo di Kirsty Coventry sulla pagina del CIO

Il 25 Febbraio 2018, in Corea, La Coventry è stata eletta all’unanimità Presidente della Commissione degli atleti del Comitato Olimpico Internazionale da parte del Consiglio esecutivo del CIO (QUI la news relativa sul sito FINA)

Il 3 Maggio 2019, Kirsty e Tyrone hanno dato alla luce la loro primogenita Ella.

Oggi è Vicepresidente del Comitato Olimpico dello Zimbabwe.

Non è difficile pensare che nel suo Stato è stata sopranominata “Tesoro Nazionale” e “Ragazza d’Oro”.

 

Profilo

Età 37 anni
Altezza 179 cm
Nazionalità Zimbabwe
Risultati campionessa olimpica, campionessa mondiale in vasca lunga e corta, record del mondo in vasca lunga e corta
Specialità 100-200 dorso, 200-400 misti
Laurea scienze umane nella gestione di ristoranti ed alberghi presso Auburn University (Stati Uniti)
Il suo sito personale

Foto © Giorgio Scala Deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: "Il nuoto non è tutto per me, ma sogno Tokyo prima di tuffarmi in altro"

Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: R...

Stefania Pirozzi è stata l'ospite di questa settimana a #Nuotopuntolive. La ventiseienne poliziotta campana, trasferitasi ormai in pianta stabile a ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu