Memorabilia Tokyo 2020, fra crisi e opportunità.

La pandemia, il posticipo al 2021 e l’incertezza generale hanno allontanato i clienti dai negozi fisici e virtuali autorizzati alla vendita di gadget olimpici ufficiali, a questa considerazione si aggiunge la grande domanda che ancora nessuno osa porre pubblicamente. I Giochi posticipati al 2021 avranno luogo? Una prima probabile risposta è stata data dal presidente del comitato organizzatore, Yoshiro Mori, che dichiarato nelle scorse settimane  che se non potranno essere svolti nelle date previste nel 2021 saranno annullati, ma non saranno nuovamente rinviati, la comunità scientifica sostiene che l’organizzazione dei Giochi non dovrebbe procedere senza la disponibilità di un vaccino, ma ad oltre 400 giorni di distanza dall’appuntamento è prematura qualsiasi considerazione, la pandemia e la sua evoluzione ci hanno obbligato a valutazioni di settimana in settimana.

Gli organizzatori di Tokyo e il CIO hanno deciso di mantenere il marchio 2020 nonostante il posticipo al 2021, per evitare  la rottamazione di tonnellate di merce logata 2020 e per gli sponsor che hanno gradito la possibilità di mantenere attivo il marchio 2020 visto in tutta Tokyo per oltre un quadriennio.

Una eventuale cancellazione dell’evento olimpico o lo stesso rinvio potrebbero stimolare la voglia di memorabilia dell’evento Tokyo 2020, le Olimpiadi sono state cancellate per questioni belliche nel 1916, 1940 e 1944, ma non sono state mai annullate per un virus, questo aspetto potrebbe paradossalmente far aumentare la domanda e compensare il temporaneo deficit di bilancio sulla vendita dei gadget olimpici, come sostengono alcuni esperti di marketing.

Se non ci saranno Olimpiadi di Tokyo nel 2021, il valore della merce già creata nel 2020 aumenterà e aumenterà ancora più rapidamente se il prodotto esistente viene rimosso dalla vendita al dettaglio“, David Carter, docente di business sportivo all’Università della California del Sud che aggiunge “Molti vedranno la merce di Tokyo del 2020 come un prodotto esclusivo che rappresenta tutto ciò che il 2020 rappresentava a livello globale.”

Dunque i potenziali acquirenti di tutto il mondo potrebbero essere maggiormente interessati all’acquisto se le Olimpiadi venissero cancellate, per poter conservare un pezzo di memoria, una curiosità, un oggetto che col passare del tempo potrebbe aumentare di valore, non solo economico ma storico.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Peaty: "Voglio diffondere il nuoto in tutte le comunità, essere padre mi darà più forza"

Peaty: “Voglio diffondere il nuoto...

Adam Peaty sta per diventare padre; la sua compagna Eirianned Munro è di origini nigeriane, così il campione olimpico si ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu