Anthon Chupkov guarda anche ai 100 metri

Il tecnico russo Alexander Nemtyrev, coach dal 2008 del 23enne due volte campione del mondo dei 200 rana, Anton Chupkov, ha rilasciato ai media del suo paese una intervista in cui racconta la delusione del posticipo olimpico, le difficoltà per la ripresa degli allenamenti a Mosca e gli obbiettivi tecnici nel prossimo futuro.

Anton Chupkov la scorsa settimana ha preso parte, insieme ad altri personaggi dello sport olimpico russo, alla lettura in video di una poesia di Alexander Twardowski dedicata alla memoria dei caduti nella seconda guerra mondiale, segue il video al minuto 2,30.

 

Seguono alcuni passaggi dell’intervista ad Alexander Nemtyrev

Il tuo atleta era una uno dei probabili candidati per l’oro olimpico. Quando i Giochi sono stati rimandati qual è stata la prima reazione?

Quando è stata ufficializzata la notizia che non ci sarebbero stati i Giochi mi sono quasi venute le  lacrime. Ho poi dovuto rassicurare Anton, spiegargli che la vita non finisce qui, che non si può fare niente perchè non dipende da noi. Il primo periodo non è stato facile per entrambi. Certo, ero arrabbiato, molto arrabbiato.

Prima di questa notizia la preparazione procedeva secondo i piani?

Andava tutto bene. Negli ultimi cinque anni in tutte le principali competizioni estive abbiamo sempre raggiunto gli obbiettivi per i quali ci siamo preparati. Pertanto, anche questa volta ero sicuro che Anton avrebbe migliorato le sue prestazioni. Garantire che avremo potuto vincere l’oro a Tokyo sarebbe esagerato, ma ovviamente ci speravamo.

Dopo la cancellazione del campionato russo si sperava nel Campionato Europeo in Ungheria a maggio.

Volevamo andare a Budapest per avere l’opportunità di gareggiare prima delle Olimpiadi. Le date permettevano di prepararci per questo evento in funzione dei Giochi, ma adesso anche il campionato europeo è stato rinviato a maggio del prossimo anno. In autunno probabilmente ci sarà una gara di selezione per i mondiali in vasca corta, ma se iniziamo a prepararci per queste competizioni, che è quello che penso farà il mondo intero, temo che tutta la preparazione subirà una forzatura, da un lato sarebbe meglio che queste competizioni non ci fossero,  dall’altro sono necessarie per la ripresa,  altrimenti non si va nessuna parte.

Non c’è davvero alcuna possibilità di trovare una piscina a Mosca in cui è possibile allenarsi almeno una volta al giorno?

Anche se esistesse una simile opportunità nessun allenatore te lo direbbe. Siamo stati invitati a Minsk (BLR) da Ilya Shimanovich che ha contattato Anton, i bielorussi non sono in quarantena e la preparazione procede normalmente, però non si trovano treni o aerei e ci sono controlli ovunque, non è possibile arrivarci.

Quanto è realistica l’opzione per te e Anton di riprendere a lavorare a Mosca nel prossimo futuro?

Sono al corrente che sia il presidente della federazione di nuoto, Vladimir Salnikov, come anche il capo allenatore della squadra nazionale,  Sergey Chepik, stanno sollecitando le autorità per ottenere qualche risposta. Io stesso ho parlato con il ministro dello sport, Oleg Matytsin, che mi ha promesso di cercare un’opportunità per riprendere gli allenamenti.

La peggiore conseguenza di una pausa cosi lunga è la perdita del senso dell’acqua. 

Con un lavoro adeguato ci vogliono circa due settimane per sentire di nuovo l’acqua. Quando Anton è in buono stato di forma è in grado di nuotare con quattro cicli di nuotata per 25 metri, dopo una pausa cosi lunga non è possibile farlo in meno di sei, perchè la sensibilità è diminuita e la forza dove essere recuperata. Un sacco di cose da fare.

Tornando al tema olimpico: avete in qualche modo cambiato idea sui 100 metri rana ? 

Sì. Anton ha stabilito un record russo nei cento metri raggiungendo un livello nel ranking mondiale piuttosto alto. È solo che su questa distanza né Chupkov né nessun altro nuotatore può competere per l’oro con Adam Peaty, dopo di lui però il livello si attesta intorno ai 58 secondi. In altre parole Chupkov potrebbe essere in grado di nuotare per il secondo o il terzo posto.

Ha fatto lavoro specifico per questa distanza?

No, finora abbiamo aggiunto solo un pò di lavoro sulla velocità e sulla rapidità. Anton non è potente in partenza e dopo la virata, ci stiamo lavorando.

100 RANA UOMINI – RANKING FINA 2019

156.88 WR
PEATY Adam
GBR
258.29
SHYMANOVICH Ilya
BLR
358.46
WILBY James
GBR
458.63
YAN Zibei
CHN
558.65
KAMMINGA Arno
NED
658.75
MARTINENGHI Nicolo
ITA
758.85
SAKCI Huseyin
TUR
858.89
KOSEKI Yasuhiro
JPN
958.93
WILSON Andrew
USA
1058.94
CHUPKOV Anton
RUS

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu