Damiano Lestingi annuncia il ritiro

Cuffia e occhialini al chiodo anche per Damiano Lestingi. A esattamente un anno dalla sua laurea magistrale (18 Luglio 2019), il nuotatore di Civitavecchia chiude ufficialmente la sua carriera da nuotatore per tuffarsi  nel mondo del lavoro. Una vita in piscina, come tanti dei campioni azzurri, che ha segnato il modo di pensare e di vivere. Il nuoto permette di crescere.

Seguono alcune sue dichiarazioni estratte dal post pubblicato sulla sua pagina instagram.

«Oggi smetto. Dopo una vita a nuotare, oggi è arrivato l’epilogo, il mio. Mi vengono in mente mille pensieri, mille emozioni da esprimere ma niente è più semplice e totalizzante come un “grazie”.

Ma non starò qui a scrivere un bilancio della mia carriera. Ho vinto questo, ho perso quest’altro. No, non mi interessa. Importa solo sapere cosa provo oggi, come e cosa sono diventato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Oggi smetto. Dopo una vita a nuotare, oggi è arrivato l’epilogo, il mio. Mi vengono in mente mille pensieri, mille emozioni da esprimere ma niente è più semplice e totalizzante come un “grazie”. Grazie a miei genitori che hanno sacrificato molto del loro tempo; al mister De Santis, che mi ha cresciuto dall’inizio alla fine della mia carriera; al mio club, il Circolo Canottieri Aniene col dirigente @gianninagni , uomo di spiccata umanità ed elevata professionalità. Alla Coser Nuoto di Civitavecchia, una seconda casa. Grazie alle generazioni che ho visto natatoriamente crescere, ho conosciuto persone fantastiche. Ho avuto la fortuna di nuotare ed essere il capitano della squadra più forte mai esistita in Italia, ho nuotato con gli atleti più veloci al mondo, ma stimandoli per ciò che sono e non per quante medaglie hanno vinto. Ma non starò qui a scrivere un bilancio della mia carriera. Ho vinto questo, ho perso quest’altro. No, non mi interessa. Importa solo sapere cosa provo oggi, come e cosa sono diventato. A 31 anni, dopo 28 passati in piscina ho capito che non è la gara ciò che conta. Quella è solo un punto di arrivo. È essenziale il percorso. Crescere con obiettivi giornalieri, cadere, rialzarsi, soffrire, sacrificarsi, vincere, gioire, riflettere su ogni lato del proprio carattere, limarlo, capire cosa si vuole dalla vita. Queste sono le cose che interessano. Potrete vincere molto ma senza mai crescere. L’importante è una cosa, una sola: lo sport è e rimarrà sempre una parentesi importante della propria vita. Ma quando si chiuderà, è l’uomo quello che resta, non il campione. Ad maiora.

Un post condiviso da Damiano Lestingi (@damiano_lestingi) in data:

LESTINGI Damiano Canottieri Aniene
Photo Giorgio Scala/Deepbluemedia/Insidefoto

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu