Morlacchi ai detenuti del carcere Beccaria: “Bisogna ripartire dalle sconfitte”

Il nuoto come strumento di formazione. Per il quarto anno di fila, Federico Morlacchi ha fatto visita al Carcere minorile Cesare Beccaria di Milano e si è tuffato in vasca con i ragazzi, insegnandogli i valori dello sport acquatico.

Così il plurimedagliato paralimpico (7 medaglie ai Giochi tra Londra 2012 e Rio 2016) ha raccontato l’esperienza a Nuotopuntocom:
L’idea di base è di fare cooperare questi ragazzi, per cui abbiamo fatto delle staffettone e ovviamente ognuno voleva vincere, però quando mi sfidano io non mi tiro indietro. La lezione che voglio dare è che insieme si vince e che da soli si fa poco. La sconfitta non è mai da stigmatizzare, ma fa parte della vita ed un punto da cui ripartire. Nella vita di una persona ci sono molte più sconfitte e bisogna sapere reagire alle batoste, facendo tesoro dei propri errori.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Gianfranco Saini: "200 stile libero: ecco perché non sono d'accordo con Thorpe"

Gianfranco Saini: “200 stile liber...

"Tutto il mondo nuota male i 200 stile libero": una sentenza che in bocca ad altri suonerebbe arrogante, ma che ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu