Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: “Il nuoto non è tutto per me, ma sogno Tokyo prima di tuffarmi in altro”

Stefania Pirozzi è stata l’ospite di questa settimana a #Nuotopuntolive. La ventiseienne poliziotta campana, trasferitasi ormai in pianta stabile a Trieste, ci ha fatto compagnia per una mezz’ora abbondante, rispondendo a tante curiosità in diretta su Instagram. L’obiettivo? La terza Olimpiade dopo Londra e Rio.

Per Tokyo mi sentivo già pronta quest’estate e il rinvio di un anno non è stato facile da accettare all’inizio. So che posso dire la mia anche l’estate prossima e speriamo di riuscire a costruire anche una bella staffetta 4×200 stile libero.

Approfondendo il capitolo staffetta, con cui nel 2014 ha centrato l’oro europeo, ha aggiunto:

Sarebbe bello che riuscissimo ad avere la stessa coesione che c’è in campo maschile. Loro sono molto uniti e lo si vede dai risultati che stanno ottenendo: se seguiremo il loro esempio, anche noi possiamo toglierci belle soddisfazioni. Siamo in tante a giocarci il posto e ci sarà da divertirsi.

Stefania si è divertita a parlare anche dei tanti cambiamenti in carriera:

Misti, delfino, stile: non mi sono fatta mancare nulla. Sono un sagittario, per cui i cambiamenti non mi hanno mai fatto paura e l’impulsività ha sempre avuto la meglio. Sono molto felice anche di aver aperto la parentesi del nuoto pinnato, che mi ha aiutato a vivere il nuoto tradizionale con meno pressioni e a tornare ad apprezzarlo.

Sulle nuotatrici che stima ha fatto tre nomi su tutti:

Tra le straniere dico Katinka Hosszu, contro cui ho avuto l’onore di gareggiare nei misti. In Italia, abbiamo la fortuna di confrontarci con una fuoriclasse del calibro di Federica Pellegrini: è un po’ come un calciatore che si trova di fianco Messi o Ronaldo. Caratterialmente poi, di recente ho scoperto di essere molto simile ad Ilaria Bianchi, impulsiva come me. Lei mi ha aiutato anche a combattere l’ansia da prestazione prima delle gare, soprattutto sui 200 delfino.

Decisa sul presente, ma anche sul futuro:

Non mi vedo per sempre a bordo vasca. Il nuoto è una parte della mia vita, ma non è l’unica cosa. Mi piacerebbe far fruttare ciò che ho studiato, ovvero management sportivo, ad esempio. Oppure, fare la personal trainer: mi vedo più a preparare qualche nuotatore in palestra piuttosto che in acqua. In quarantena, grazie a Endu, mi sono divertita a far allenare gli italiani ed è un’esperienza che mi piacerebbe ripetere.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu