105 controlli a piscine senza criticità. Barelli: “Contento per serietà di società e gestori”

Federnuoto ha condiviso una nota in cui ha evidenziato come nei numerosi controlli in tutta Italia, ben 105 in pochi giorni, tutto fosse in ordine. I controlli sono stati eseguiti prevalentemente da NAS, ma anche da ATS, e non solo.

Non sono state rilevate criticità e si dichiara dunque contento il Presidente Barelli, per la serietà dei gestori. Società affiliate che hanno dimostrato professionalità e responsabilità in questa situazione, nel rispetto di atleti, tesserati e utenti.

La Federazione Italiana Nuoto, da martedì 20 ottobre ha attivato un osservatorio per monitorare l’attività ispettiva per la verifica del rispetto delle norme.

“Sono contento della serietà delle società sportive e degli operatori che gestiscono le piscine, che dimostrano di rispettare a pieno le regole con professionalità ed estremo riguardo per il benessere degli utenti”. Così il presidente della Federnuoto Paolo Barelli dopo che sono stati comunicati i dati relativi ai controlli finora effettuati (105 ispezioni) sugli impianti e “non sono state rilevate criticità”.
I controlli sono stati svolti per lo più dai Nas dei Carabinieri presso le piscine di tutto il territorio nazionale e ad oggi “l’esito, verificato dalla Federazione Italiana Nuoto sulla base dei verbali redatti, non ha evidenziato alcun caso di criticità o difformità circa il rispetto delle citate norme vigenti”.
La Federnuoto annuncia allo stesso tempo l’istituzione dal giorno 20 ottobre di un osservatorio centrale per monitorare l’andamento dei controlli effettuati dall’Autorità competente a partire dal 21 ottobre presso le piscine gestite e utilizzate sul territorio nazionale dalle società sportive affiliate ed aperte ai tesserati e agli utenti in genere.
I controlli riguardano il rispetto delle normative in materia anti-Covid relative agli emanati Dpcm, delle disposizioni del ministero della Salute e dalle Regioni circa gli aspetti igienico-sanitari delle piscine, infine della sicurezza in materia di lavoro, oltre ad ulteriori adempimenti amministrativi.
Il monitoraggio è avvenuto con il supporto dei 20 Comitati Regionali federali coadiuvati dalle relative articolazioni periferiche e attivati a partire dalla serata del 20 ottobre. Gli impianti oggetto del monitoraggio sono di norma provvisti di piscine per l’utilizzo a carattere sportivo agonistico e a carattere ludico-motorio, per lo più dotati anche di palestra e strutture di servizio connesse. “Le Società Sportive, nell’ambito dell’attività di controllo effettuata, hanno acquisito da parte delle autorità competenti impegnate, apprezzamento sull’adeguatezza degli standard riscontrati e accoglimento positivo sulle iniziative poste in essere per il contenimento della diffusione del virus”, viene sottolineato. (Agenzie ANSA).

Qui la news da Federnuoto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Sport e sostenibilità: Giorgio Scala intervista Sara Franzini Gabrielli

Sport e sostenibilità: Giorgio Scala int...

Anche se la pandemia di Covid lo ha negli ultimi mesi fatto passare in secondo piano, il tema della sostenibilità ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu