Atleti in movimento: i veneti convergono su Monastier

Con l’ultimo DPCM il governo ha sancito la chiusura degli impianti natatori a partire da lunedì 26 ottobre e fino a martedì 24 novembre. Sono consentiti gli allenamenti per gli atleti di interesse nazionale, a porte chiuse e nel rispetto delle norme anti-Covid.

La Federazione Italiana Nuoto, attraverso un comunicato istituzionale, da l’interpretazione di quanto stabilito dal governo in merito all’attività di interesse nazionale: le attività di interesse nazionale sono quelle che coinvolgono tutti gli atleti tesserati alla Federazione Italiana Nuoto (di ogni settore e categoria di età) nell’ambito delle competizioni inserite nei calendari e nei regolamenti federali delle singole discipline. Si tratta sicuramente di un’interpretazione il più estensiva possibile.

E adesso? Che fare?

Di fronte a questa possibilità il gestore di impianto deve necessariamente confrontarsi con il quadro economico della propria struttura e operare delle scelte: apro in perdita o non apro? Altre opzioni non sono contemplabili, il ricavo o il pareggio non sono realistici. In molti hanno dovuto scegliere su due piedi la seconda opzione e cioè di restare chiusi. Ma gli atleti? Come fare? Soprattutto per quelli che nuotano per mestiere.

Molti atleti della Nazionale Assoluta e/o della Nazionale Giovanile sono confluiti nel trevigiano presso l’impianto Rosa Blu di Monastier (nella foto), dove stabilmente nuotano gli atleti della A.S.D. Nord/Est H2O. Vasca lunga, 8 corsie e suddivisione degli spazi e degli orari in modo da rispettare le normative di sicurezza anti-Covid.

Non stiamo parlando di atleti che “ci provano”, stiamo parlando di atleti che rappresentano l’Italia, a livello assoluto e giovanile, a Campionati Italiani, Trofeo Internazionale Sette Colli, Europei, Mondiali. Solo per citarne alcuni Matteo Furlan, Giulia Salin, Giulia Berton, Eleonora Brotto, Paolo Conte Bonin, Stefano Nicetto, Nicola Roberto e Angelica Cappelletto, Alessandra Miari Fulcis.

Il tutto mentre il Comitato regionale, a firma del presidente Roberto Cognonato, chiama i gestori alla serrata con un comunicato inviato a tutte le società venete:

FINVENETO- Lettera del Presidente alle Istituzioni

Appello che sembra cadere nel vuoto, considerato che già una mezza dozzina di impianti hanno riaperto le porte per i tesserati. Tesserati che, giova ricordare, devono essere autorizzati dalla società di provenienza per allenarsi presso altre strutture.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Sharon Van Rouwendaal si racconta in un'intervista

Sharon Van Rouwendaal si racconta in un&...

In un'intervista, Sharon Van Rouwendaal racconta le difficoltà nell'essere "la favorita". Dopo il titolo olimpico nella 10 km, vinto nella ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu