Kieren Perkins alla guida di Swimming Australia

La federnuoto australiana ha annunciato che il due volte campione olimpico Kieren Perkins (47), è stato eletto nuovo presidente di Swimming Australia, il popolare campione australiano prende la guida del nuoto dall’ex presidente John Bertrand che ha lasciato l’incarico la scorsa settimana dopo essere stato per sette anni al timone del nuoto australiano. “È stato un vero onore per me aver guidato Swimming Australia negli ultimi 7 anni“, in questo lungo periodo di tempo ha lavorato instancabilmente per far crescere il nuoto in patria e fuori, il suo lavoro è stato riconosciuto dai più, queste le parole di elogio di Leigh Russell, CEO di Swimming Australia.

“Ci vuole grande impegno, passione e cura per svolgere il ruolo di Presidente di un’organizzazione sportiva e spesso può essere un compito ingrato … John è entrato nel suo ruolo con fervore ed entusiasmo in mezzo a importanti cambiamenti e molte incertezze. La sua ricerca di miglioramento costante e il desiderio di guardare sempre fuori dagli schemi è uno dei suoi più grandi pregi. Parlo a nome di tutta Swimming Australia quando dico che auguriamo a John tutto il meglio e non vediamo l’ora di vederlo tifare ad alta voce sugli spalti alla nostra prossima ricerca dell’oro”.

Kieren Perkins, originario di Brisbane nel Queensland è considerato uno dei più grandi mezzofondisti della storia del nuoto mondiale,  ha vinto il titolo olimpico nei 1500 stile libero alle Olimpiadi del 1992 (Atlanta) e del 1996 (Barcellona), ha detenuto parecchi primati mondiali (11) nelle distanze dei 400, 800 e 1500 stile libero, è stato il primo atleta al mondo a detenere contemporaneamente il titolo Olimpico, Mondiale, del Commonwealth e dei Giochi Pan Pacifici. Si è ritirato dal nuoto nel 2000 dopo aver vinto 23 medaglie internazionali è dal 2002 è inserito nell’albo dello Sport Australia Hall of Fame.

Certo non è proprio il massimo cominciare l’esperienza da Presidente di una potenza mondiale del nuoto in piena pandemia e con la fresca notizia di un nuotatore australiano (Brenton Rickard) squalificato per doping 8 anni dopo i Giochi di Londra, pare siano in ballo sei medaglie olimpiche Aussies.

Queste le prime dichiarazioni da Presidente.

 “Ho il desiderio di confermare il nuoto come lo sport olimpico di maggior successo in Australia, ad un anno dai Giochi di Tokyo è importante mantenere stabilità e concentrazione … Dobbiamo continuare a costruire orientati verso l’anno olimpico e paralimpico, non c’è migliore opportunità per unire il paese attraverso lo sport e ispirare le generazioni future. Vorrei  lavorare per allargare la nostra comunità sportiva, portando più persone verso la nostra disciplina cercando di far crescere le stelle del futuro con il nostro percorso verso l’élite. Sento un senso di dovere nei confronti dello sport che mi ha dato così tanto nella vita “.

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Sport e sostenibilità: Giorgio Scala intervista Sara Franzini Gabrielli

Sport e sostenibilità: Giorgio Scala int...

Anche se la pandemia di Covid lo ha negli ultimi mesi fatto passare in secondo piano, il tema della sostenibilità ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu