Novità ISL. Gli 800 stile libero maschili. Test-event per il futuro.

La International Swimming League (ISL) proporrà per la finalissima del circuito 2020 in programma il prossimo fine settimana, una nuova prova sugli 800 metri per il settore maschile, scenderanno in vasca alla Duna Arena otto fra i migliori specialisti del mondo; Mikhail Romanchuk (Ucraina), Felix Auboeck (Austria) e Zane Grothe (USA) che hanno partecipato alla stagione 2020, e per questa speciale occasione saranno in gara a Budapest anche Akos Kalmár (Ungheria), Damien Joly (Francia), David Aubry (Francia), Henrik Christiansen (Norvegia) e Lander Henrickx (Belgio), l’evento è previsto per le ore 18.00 a qualche ora dal termine della prima giornata di finali.

L’amministratore delegato dell’ISL Andrea Di Nino. 

La prova sugli 800 metri stile libero presenta in gara alcuni dei migliori specialisti del mondo e ISL è felice di poter dare loro un assaggio dell’atmosfera e dell’entusiasmo della stagione 2020. Siamo sempre alla ricerca di nuovo idee, nuove emozioni e nuove gare, questa è una buona opportunità per testare nuovi eventi per il futuro. Questa gara aggiunge ancora più imprevedibilità e adrenalina.  Analizzeremo il risultato di questo test e valuteremo con i nostri stakeholder nuovi formati per il futuro”.

La prova sugli 800 stile libero è considerata un evento a parte rispetto al format della finalissima, gli otto nuotatori in gara non guadagneranno punti per nessuno dei quattro team finalisti; Cali Condors, Energy Standard, LA Current e London Roar, ma avranno un loro particolare calcolo del punteggio e relativi premi ij denaro.

All’800 stile libero sarà attribuito un punteggio non solo al termine della prova dal primo all’ottavo classificato, ma anche durante il passaggio (checkpoint) dei 100 e dei 400 metri, una sorta di traguardo volante che assegnerà punti fino alla quinta posizione (9/7/5/3/1). Se però il nuotatore ai 100 metri ha un tempo superiore ai 2 secondi rispetto al leader della gara e un tempo superiore ai 9 secondi ai 400 metri, i suoi punti vengono assegnati al nuotatore che in ciascuno dei due checkpoint ha virato in testa alla prova. Se un nuotatore copre la distanza con un differenziale oltre i 15 secondi dal vincitore perde tutti i punti accumulati nel corso della prova che vengono (ridistribuiti) ai nuotatori che invece rientrano nel limite differenziale di fine gara, la prova è vinta dal nuotatore che ha raccolto il miglior punteggio.

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Sport e sostenibilità: Giorgio Scala intervista Sara Franzini Gabrielli

Sport e sostenibilità: Giorgio Scala int...

Anche se la pandemia di Covid lo ha negli ultimi mesi fatto passare in secondo piano, il tema della sostenibilità ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu