Adam Peaty ispirato da Fioravanti e Kitajima. L’azzurro “un piacere essere stato esempio per il Gotha della rana”

Segnaliamo l’intervista odierna del Corriere dello Sport – Stadio al ranista britannico Adam Peaty intitolata “Cosi ho inventato il salto della rana” a cura di Alberto Dolfin. Il fuoriclasse inglese ha raccontato un po’ di sé, soffermandosi sul suo percorso.

I riferimenti nella rana:

Fioravanti e Kitajima mi hanno ispirato, ora sono io a farlo con i giovani ed è fantastico. Spero che guardando me andranno forte, ma non tanto da battere i miei record…

In merito alla situazione delle piscine durante l’emergenza sanitaria, ha spiegato:

Le piscine hanno appena riaperto, sono stati mesi difficili soprattutto per i ragazzi e per chi nuota per pura passione o per sentirsi meglio.

Sugli azzurri

Conosco gran parte della squadra azzurra, sono ragazzi incredibili e mi piacciono perché sanno far festa e io adoro parteciparvi. Greg continua a stupire e va sempre più forte, poi c’è Nicolò (Martinenghi; ndr) che ha nuotato delle serie interessanti alla Isl e sono curioso di vedere cosa combinerà in lunga. Adesso tutti ci stiamo concentrando sull’Olimpiade e spero che il “circo” riparta al più presto

Dopo Tokyo

Di sicuro un po’ di vacanza, poi non vedo l’ora di ricominciare con i miei “clinics” per ragazzi e ragazze in giro per il mondo. Spero di farne anche qualcuno in Italia, sono appuntamenti in cui provo a insegnargli come approcciare la gara, ad aiutarli a migliorare la tecnica nella rana e cose così. Voglio restituire più che posso al nuoto, perché arriverà un giorno in cui mi ritirerò e vorrei passare il miglior testimone alle nuove generazioni.

Il prossimo 29 dicembre si svolgerà il primo Virtual Adam Peaty Race Clinic

Abbiamo contattato Domenico Fioravanti, contento di essere stato riferimento per l’inglese, che commenta così:

“Ho letto l’articolo e ovviamente è un onore essere stato di ispirazione per altri campioni, soprattutto poi quando uno di questi si chiama Adam Peaty e rappresenta il Gotha del nuoto mondiale. Soprattutto perché nuota la mia specialità e con dei tempi stratosferici. È davvero un piacere, significa che qualcosa ho fatto e che qualcosa è rimasto. Lui stesso a sua volta è oggi un esempio per i giovani, è un po’ una ruota che gira. Lo ringrazio perché essere ancora ricordato per quello che ho fatto e rappresentato in questo sport dopo vent’anni mi rende davvero orgoglioso. – commenta il bicampione olimpico di Sydney 2000 oggi marketing manager di Akron – I risultati cronometrici sono di un altro livello rispetto a quando nuotavo io: sembrava impensabile poter nuotare sotto il minuto nei cento rana e oggi Adam nuota ben quattro secondi di meno. Sicuramente passano gli anni, cambiano ed evolvono le tecniche, ma sicuramente lui è oltre la media. Credo che leggere le parole dell’inglese che farà piacere anche all’amico Kitajima.”

Roma 27th July 2009 – 13th Fina World Championships From 17th to 2nd August 2009.Domenico Fioravanti and Kosuke Kitajima.photo: Roma2009.com/InsideFoto/SeaSee.com

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Luca Sacchi: mi allenerei con Nicolò Martinenghi e sfiderei Thomas Ceccon

Luca Sacchi: mi allenerei con Nicolò Mar...

Luca Sacchi è la voce per tutti coloro che il nuoto lo guardano dalla TV; insieme a Tommaso Mecarozzi, porta ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu