medaglie

Medaglie e vincitori.

Le medaglie non sono sempre esistite. I vincitori di gare sportive, per molto tempo  furono premiati con regali di vario tipo: quadri, sculture, coppe, anche medaglie, ma nel senso di oggetti artistici come tanti altri.

Atene 1896

Nella prima edizione dei giochi olimpici di Atene del 1896, erano previste medaglie solo per i primi due classificati. Non erano per niente d’oro. Chi vinceva riceveva una medaglia d’argento e una corona d’olivo. L’olivo veniva da Olimpia, come si conviene per chi vuole ricordare la Grecia degli Elleni. Era un segno di sacralità e di pace, come lo era quando i greci portavano la tunica e si pensavano il centro dell’universo. Quando vincevano, a quell’epoca, erano incoronati con rami di ulivo, pianta sacra a Zeus, cui erano dedicati i giochi. Era stato Eracle, Ercole per i romani, il fondatore mitico delle Olimpiadi, che lo aveva fatto la prima volta, per onorare il vincitore della corsa.

medaglista ufficiale

La medaglia dei primi classificati di Atene era stata coniata da un’artista francese, Jules Clement Chaplain, il medaglista ufficiale del governo del suo paese. Sul diritto era raffigurato Zeus che tiene in mano Nike, la dea della vittoria. Sul rovescio c’era l’Acropoli di Atene. Oltre a medaglia e corona i premiati ricevevano anche un attestato. Anche questo era stato disegnato appositamente da un artista. Il pittore che lo aveva illustrato era un greco, ma che si era formato nella sua arte in Germania. Si chiamava Nikolaos Gysis ed era un’esponente della famosa scuola di Monaco. L’immagine rappresentava ancora Atena, il Partenone e naturalmente la vittoria alata, quella per cui tutti si sarebbero immolati.

i vincitori non sono tutti uguali

Ma i vincitori non erano tutti uguali. Ad alcuni era riservato un trattamento di favore, perché la loro specialità era considerata particolare. Tutta roba simbolica, chiaramente. Il discobolo Robert Garrett, per esempio, fu premiato dal principe ereditario Costantino con un vaso antico.  Il vincitore del tiro a segno, Pantelis Karasevdas, ricevette una carabina, mentre Ionannis Fragkoudi una pistola. Il famosissimo Spiridon Louis, invece, quello che vinse la maratona ed entrò nella leggenda olimpica, guadagnò una coppa d’argento che rappresentava un corridore.

I secondi.

La medaglia dei secondi era invece di rame, disegnata da un altro artista greco: Nikiphoros Lytras. Nell’immagine c’era ancora la vittoria alata e sullo sfondo l’Acropoli. Insieme alla medaglia ricevettero anche un ramo d’alloro. Anche l’alloro era simbolico. Per i romani era il simbolo della gloria. Con l’alloro ci facevano infatti, come tutti ricordano, la corona degli imperatori. 

Parigi.

A Parigi, nella seconda edizione dei Giochi, nessuno ebbe la medaglia. Ai premiati furono assegnate coppe, targhe, premi artigianali e di altra natura. Anche soldi. Perché c’erano anche gare per professionisti, nel tiro e nelle scherma. Nonostante il parere di De Coubertin.

Oro, argento e bronzo

Fu a S. Louis che per la prima volta alle Olimpiadi si assegnarono come premi ai primi tre classificati, medaglie d’oro, d’argento e di bronzo. L’usanza non era originale. I primi a pensarla erano stati quelli della National Association of Amateur Athletes. La società americana degli atleti dilettanti pare assegnasse tali medaglie già nel 1884.

Ancora miti

Perché dare oro, argento e bronzo? Non era una questione di valore del metallo in sè, come dicevano alcuni. E nemmeno c’entrava la rarità, come dicevano altri. Centrava invece sempre la Grecia e centrava il mito. In questo caso il riferimento era alla famosa storia dell’umanità raccontata da Esiodo. Il poeta più antico della Grecia continentale (VII sec. a.C.) aveva raccontato nella Teogonia, la storia degli uomini e di com’erano andate la cose. Tutto era partito bene, funzionava a dovere sotto il governo di Kronos, ma poi era andata in un altro modo. Da quando Zeus aveva preso il potere le cose si erano deteriorate, fino a raggiungere il disastro dei giorni presenti (ma lui parlava di quei secoli).

Golden Age

In questo percorso di decadenza gli uomini avevano attraversato cinque ere. I tre metalli designavano le prime tre. L’inizio era stato l’età dell’oro, quando gli uomini vivevano tra gli dei e tutto andava come doveva andare. Non si doveva lavorare, non c’erano ricchi e poveri e la natura elargiva ogni suo bene. Non c’era neanche la malattia e nemmeno il dolore. Poi le cose erano cambiate. Nell’età dell’argento gli dei avevano cominciato ad essere violenti, finendo con l’uccidere gli uomini. Qualcosa di bello, però, era rimasto, per esempio si restava bambini con tutti i privilegi della giovinezza, per almeno cent’anni. La terza era stata l’età del bronzo. Gli uomini, spinti dagli dei, avevano cominciato a fare la guerra. Eppure non tutto era ancora perduto. Per esempio si poteva ancora continuare a vivere nella casa amata di Ade.

Vittoria

La vittoria sportiva andava quindi letta come un dono e come un augurio. Un dono come quello che veniva dagli dei. C’entrava anche la fortuna. Anche lei era stata una dea. “Fortuna” aveva personificato la forza che guida e avvicenda i destini degli uomini. Era quella forza che distribuisce ciecamente felicità, benessere, ricchezza, oppure infelicità, sofferenza e sventura. Ma la vittoria era anche un percorso possibile per tornare al punto di partenza. Diceva che passo per passo, si poteva rifare la strada dalla condizione attuale fino ad un’altra età dell’oro. Questo era l’augurio. Vincere realizzava di nuovo il momento dello splendore. Nella vittoria, finalmente, l’uomo era un’altra volta quello che avrebbe dovuto essere. Lì avrebbe riposato nella “felicità”, il sogno mai raggiunto della filosofia.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili, 1991 vs 2021

Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili,...

Nei giorni scorsi abbiamo potuto rivivere in compagnia di Giorgio Lamberti il suo oro australiano nei 200 stile libero. Sentirlo ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu