CIO, richiesta formale al governo italiano: “Agire senza ulteriori ritardi”

Il 27 gennaio a Losanna si riunirà il Comitato esecutivo del Comitato olimpico internazionale: all’ordine del giorno l’applicazione all’Italia delle sanzioni previste dall’articolo 59.1.4 della Carta olimpica che prevede la sospensione del Comitato olimpico coinvolto e, di conseguenza, l’impossibilità per gli atleti di partecipare con la propria bandiera e inno nazionale.

Per questo il CIO ha sollecitato nella giornata di martedì 5 gennaio il governo italiano ad “agire senza ulteriori ritardi nell’interesse del movimento olimpico italiano e degli atleti, considerando che la situazione è in stallo da quasi due anni”.

Oggetto del contendere la Legge delega per la riforma dello sport e in particolare il modello di governance che a parere del CIO non garantirebbe l’autonomia del CONI come prevista dalla Carta olimpica.

In assenza di interventi nelle prossime tre settimane l’Italia rischia quindi di raggiungere Russia e Bielorussia nel poco invidiabile club dei Comitati olimpici sospesi.

 

Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative