Malia Metella: “Nessuna come me, ogni atleta è diversa. Ma il nuoto francese è in continua crescita”

Per il giorno del suo trentanovesimo compleanno, siamo riusciti a raggiungere Malia per un’intervista esclusiva per Nuoto•com.
Nelle scorse settimane l’avevamo contattata per farci raccontare la sua nuova avventura con Defi Titicaca. Ci aveva stupito l’immediata risposta e la grande disponibilità. Forse una cosa che dovrebbe essere scontata ma Malia si è dimostrata davvero carina e gentile.

Malia Metella è stata la velocista di punta della nazionale francese nel primo decennio degli anni 2000. Nello stile libero è riuscita a conquistare medaglie importanti: è salita sul secondo gradino del podio ai Giochi Olimpici di Atene 2004 nei 50 metri e si è classificata sempre seconda ai campionati del Mondo di Montreal 2005 nei 100 stile libero. Agli Europei di Madrid 2004 ha conquistato ben 4 medaglie: oro nei 100 metri stile libero, oro nelle due staffette veloci ed un bronzo nei 100 metri farfalla.

Come anticipato oggi è impegnata in un’impresa benefica attraverso nuoto di fondo. Malia, insieme ad altri due atleti francesi Théo Curin e Matthieu Witvoet, si sta allenando in vista di una traversata organizzata dall’associazione Défi Titicaca. Proprio in questi giorni i tre atleti si trovano in altura per allenarsi al metodo Wim Hof, che prevede anche pratiche di respirazione al freddo, attraverso la meditazione per il miglioramento del benessere psicofisico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Malia METELLA – OLY (@maliametella)

Ci aveva stupito vedere una ex velocista in acque libere. Malia Metella aveva spiegato che effettivamente si tratta solamente di una sfida personale e umana, viste anche le condizioni di acqua, temperatura e altitudine, nonché il peso della zattera da trascinare.

Abbiamo posto alcune domande alla nuotatrice francese.

Nuoto•com: Come sta il nuoto francese?

Malia Metella: Il nuoto francese è in continua crescita. Le generazioni si susseguono ma non sono tutte uguali, infatti ognuno scrive la propria storia in modo differente.  In effetti la mia generazione ha contribuito ad alzare l’asticella del nuoto francese con medaglie e titoli olimpici e mondiali.

NPC: Chi è la nuotatrice in cui si rivede adesso?

MM: Non mi rivedo in nessuna nuotatrice. Siamo tutti diversi, per del nostro vissuto per il modo in cui scriviamo la storia della nostra disciplina

NPC: Quanto ti mancano le gare?

MM:No, veramente proprio per niente! Non ho più quella voglia e quella motivazione per competere ad alti livelli. Fare un po’ di sport per la salute mi basta.

NPC: Quanto è cambiato il nuoto dai tuoi tempi?

MM: Il nuoto è cambiato da un punto di vista economico. Gli atleti oggi sono più supportati. 

NPC: il 2020 è stato caratterizzato tra l’altro dal movimento Black Lives Matter. Nel nuoto ha mai dovuto confrontarti con il razzismo?

MM: No

NPC: Tokyo 2020, se fossi stata in attività, come avresti vissuto il posticipo delle olimpiadi?

MM: Se fossi stata all’inizio della mia carriera avrei vissuto bene questa situazione, ma a fine carriera sarebbe stato peggio. 

Roma 30th July 2009 – 13th Fina World Championships From 17th to 2nd August 2009….Swimming semifinals..Women’s 100m freestyle ..Malia Metella (FRA)….photo: Roma2009.com/InsideFoto/SeaSee.com

 

NPC: Parigi 2024, cosa pensi delle olimpiadi a “casa”? Vorresti in qualche modo essere impegnata, magari per l’organizzazione?

MM: Mi diverte molto l’idea dell’Olimpiadi in casa. Tutta la Francia è coinvolta. I campioni sono impegnati per trasmettere ai più giovani i valori dello sport e dell’olimpismo. Ecco perché da lunedì 1 a venerdì 6 febbraio negli istituti scolastici del paese (asili, primarie, medie, licei e università) si è svolta la settimana olimpica e paralimpica. Un’occasione per incontrare i giovani nelle scuole per discutere, giocare e fare attività sportiva con loro.

NPC: Sappiamo che tuo fratello Mehdy si è operato alla spalla, come sta?

MM: Mio fratello va di meglio in meglio. La ripresa nel nuoto è sempre molto difficile soprattutto dopo un’operazione alla spalla. Incrocio le dita affinchè ritrovi rapidamente la sua miglior forma. 

Tanti auguri a Malia Metella da parte di tutta la redazione di Nuotopuntocom, ma anche a Mehdy, auguri di pronta guarigione. Malia Metella ha anche raccontato di voler visitare Milano. Allora la speranza è che le condizioni lo consentano, per poterla conoscere anche dal vivo e farci raccontare l’esito della sua nuova avventura, oltre che il suo passato da campionessa. 

Malia Metella
Profilo
Età 39 anni
Altezza 1.74 cm
Nazionalità Francese
Risultati Vice Campionessa Olimpica, vice campionessa del Mondo e campionessa Europea 
Specialità 50 e 100 stile libero 

 

Foto: © Giorgio Scala Deepbluemedia 

Grazie a Sara Grillo per il supporto.

 

Articoli correlati 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Federico Turrini: continuerò a lavorare per l'Esercito e a fare l'allenatore. Mi sento pronto per questa nuova sfida.

Federico Turrini: continuerò a lavorare ...

Federico Turrini ha deciso di lasciare il nuoto, o meglio, di smettere di fare l’atleta. In realtà, per il campione ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu