Giappone, si torna a discutere di diritti civili

Si ripropone il tema dei diritti civili nell’ambito olimpico: Sette componenti del Comitato Tokyo 2020 per i diritti umani, lavoro e partecipazione chiedono alla nuova presidente del Comitato organizzatore Seiko Hashimoto e al Comitato olimpico e paralimpico giapponese di promuovere una legge anti discriminazione a tutela della comunità LGBT+.

Dice Kanae Doi, direttrice di Human Rights Watch Giappone: “Il governo giapponese deve promulgare una legge contro le discriminazioni, in conformità alla Carta olimpica che le vieta sotto qualsiasi forma, comprese quelle che riguardano l’orientamento sessuale e l’identità di genere. La nuova presidente del Comitato organizzatore deve farsi promotrice di questo provvedimento prima che inizino i Giochi, in modo da allineare le leggi giapponesi agli standard internazionali”.

Nel paese non esiste alcuna legge anti discriminazione e, nonostante i sondaggi indichino il favore dell’opinione pubblica, non sono ancora consentite alle coppie omosessuali il matrimonio e l’adozione. Situazione analoga a quella dell’Italia, che potrebbe trovarsi a ricevere lo stesso tipo di sollecitazioni in vista delle Olimpiadi invernali del 2026.

Leggi il comunicato di HRW [ENG]

Ph. ©Magda Ehlers @Pexels

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
"La squadra sta bene, siamo fiduciosi. Osservati speciali Titmus e Kamminga": intervista esclusiva a Cesare Butini

“La squadra sta bene, siamo fiduci...

Mentre si conclude la prima settimana del collegiale preolimpico della Nazionale italiana presso il campus dell'Università di Waseda a Tokorozawa, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu