Davide Pontarin: “Società agonizzanti, aiuti inesistenti, ma non molliamo. Torno a bordo vasca per tutelare gli atleti”

La pandemia ha colpito duramente il mondo del nuoto, a livello sia agonistico sia gestionale. Le risorse sono sempre più limitate e gli impegni sportivi incombono. Come molti colleghi Davide Pontarin (nella foto tratta dal suo profilo Instagram), presidente del Team Veneto e gestore della piscina comunale di Tezze sul Brenta (VI), anziché piangersi addosso o attendere aiuti statali sempre meno probabili, ha deciso di rimboccarsi ulteriormente le maniche, riprendere in mano il cronometro e tornare a bordo vasca.

È una situazione difficile: le risorse sono limitate, gli aiuti governativi praticamente inesistenti e le società agonizzano. Da gestore di impianto dovrei limitarmi a valutare gli aspetti economici, far quadrare i conti. Ma noi siamo imprenditori atipici: arriviamo dal bordo vasca e la passione che anima questo lavoro ce l’abbiamo tatuata dentro. I nostri atleti rappresentano il passato, il presente e il futuro del Team Veneto e abbiamo il dovere di tutelarli. Sicuramente tornare a bordo vasca, luogo che comunque non ho mai abbandonato, è bellissimo, ma la cosa più bella è poter aiutare il mio team di allenatori a raggiungere i risultati con gli atleti. Abbiamo ragazzi che erano coinvolti con la nazionale giovanile, che gareggiano a livello assoluto e mi sento in dovere di aiutarli a perseguire il loro sogno. Perché, nonostante la terribile situazione che ci troviamo a vivere, dobbiamo insegnare loro a non mollare di fronte alle difficoltà, e l’insegnamento migliore lo si dà con l’esempio. L’idea poi di poter condividere nuovamente il bordo vasca, oltre che con gli altri allenatori, anche con Moreno Daga, che segue Ilaria Cusinato, è indescrivibile. Moreno per me è stato e continua ad essere un maestro, da lui c’è sempre da imparare e poi è una persona che, con molta pacatezza e calma, riesce a rimettere sempre in ordine le cose. Non mi stupisco che Ilaria abbia ritrovato la serenità allenandosi con lui. Abbiamo lavorato fianco a fianco anni fa e l’idea di poter ripetere l’esperienza ed essergli di supporto mi riempie di orgoglio.

Pontarin spiega poi come la Federazione Italiana Nuoto sia sempre pronta a dare supporto al Team Veneto:

Quando ho avuto bisogno di confrontarmi ho sempre trovato persone pronte ad ascoltarmi in Federazione. Uno su tutti Cesare Butini, il direttore tecnico della Nazionale Assoluta. In questi mesi difficili è sempre stato presente e il confronto tra noi non è mai mancato. Posso sempre contare sul suo aiuto e sui suoi consigli, probabilmente perché entrambi abbiamo a cuore gli interessi degli atleti, e pertanto dove gli obiettivi convergono, è facile trovare collaborazione per un fine comune.

In momenti in cui il termine è utilizzato da molti a sproposito, il Team Veneto rappresenta uno dei tanti esempi di resilienza che il mondo del nuoto è ancora in grado di proporre al paese. Non c’è che da augurargli (e augurarci) buona fortuna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu