Italfondo. Concluso il collegiale in altura in Valtournenche (Cervinia). Emanuele Sacchi: «I ragazzi stanno bene, il programma prosegue»

Club des Sports.

Concluso il raduno azzurro in altura per preparare Europei di Budapest e Olimpiadi di Tokyo svolto per quasi tre settimane in Valle d’Aosta, alloggiando a Breuil-Cervinia e utilizzando la piscina di Valtournenche, gestito dal Club des Sports.

Dopo Gregorio Paltrinieri e il primo gruppo azzurro, questa volta il centro sportivo ha accolto la vice campionessa olimpica Rachele Bruni (Aurelia Nuoto) e Mario Sanzullo (Fiamme Oro/CC Napoli) – qualificati per i Giochi di Tokyo – Pasquale Sanzullo (Carabinieri/CC Aniene), Isabella Sinisi e Veronica Santoni (CC Aniene), Simone Ruffini e Alessio Occhipinti (Fiamme Oro/CC Aniene), atleti che sono stati seguiti dallo staff azzurro completato dal preparatore atletico Alessandro Avallone e le fisioterapiste Valentina Sacchi e Valeria Sarachetti.

Emanuele Sacchi, tecnico: «Un raduno molto importante per noi, utile a verificare la condizione attuale in vista dei due principali appuntamenti della stagione, che per alcuni sono gli Europei di Budapest e per altri i Giochi Olimpici di Tokyo. I ragazzi stanno bene e il lavoro procede secondo le tabelle. Il Covid-19 ha agevolato molto la logistica, anche se è stato molto difficile programmare spostamenti e raduni. Dal punto di vista tecnico però è tutto pronto, dobbiamo solo capire come e quando proporre alcune cose. Abbiamo un piano A, un B e un C per arrivare ai Giochi Olimpici nel miglior modo. È la prima volta che questo gruppo viene a Valtournenche ed è stato eccezionale per logistica e disponibilità. Dormire a 2.000 metri e allenarsi a 1.500 metri non capita spesso: cerchiamo questa condizione molte volte, ma è difficilissima da trovare. Qui invece abbiamo tutto e siamo davvero molto soddisfatti».

Club des Sports: «Siamo a disposizione delle squadre che vengono seguite in tutto e per tutto. Diamo un servizio completo agli atleti e agli allenatori: impianti sportivi, logistica, trasferimenti, altre richieste. Non ci limitiamo solo a concedere la piscina piuttosto che la palestra, garantiamo un’assistenza generale, mettendo loro nelle migliori condizioni per poter lavorare».

Articoli correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu