Piscine invisibili: il presidente Russu pungola il potere politico regionale

Ci si affida al presidente della Giunta Regionale Christian Solinas, sperando che faccia la voce grossa nel corso della prossima conferenza Stato-Regioni. Le piscine sono state dimenticate dal decreto-legge (Misure per contenere e contrastare l’emergenza epidemiologica) e l’immenso patrimonio umano che gravita attorno ad esse si sente ulteriormente vessato da un provvedimento legislativo beffardo e paradossale. I diretti interessati sono costretti a brancolare nel buio con in testa mille perplessità e l’incertezza cronica sul quando potranno di nuovo immergersi nelle tanto agognate acque clorate.

Il presidente della FIN Sardegna Danilo Russu, ancora incredulo, legge e rilegge il testo del decreto: potrebbe aver saltato qualche riga preso dalla concitazione, ma purtroppo deve rassegnarsi, il caso della sua disciplina non viene contemplato. “Sinceramente fatico a capire – commenta amareggiato Russu – qual è il motivo scatenante di questo trattamento, dal momento che si dà l’ok alle partite di calcetto amatoriale senza nemmeno pretendere i certificati medici ai praticanti. Ma l’esempio è applicabile a tutti gli altri settori che possono finalmente ricominciare l’attività”.

Prova a immaginare cosa possa suscitare questa noncuranza dei legislatori nel prendere di petto anche la situazione piscine al coperto: “L’interdizione all’uso degli spogliatoi, (prevista dall’articolo 7, pagina 4 del decreto) probabilmente c’entra qualcosa, ma per l’ennesima volta mi permetto di dissentire – continua il presidente FIN Sardegna – perché in questi mesi abbiamo dato prova di affidabilità, mantenendo quelle aree perfettamente sanificate ed igienizzate; il tutto è dimostrato dai verbali stilati dagli ufficiali sanitari che ripetutamente hanno ispezionato le strutture. Chi non conosce il movimento natatorio, potrebbe sospettare che siano proprio vasche e cloro a scatenare la diffusione del virus, ma ad oggi, non mi risulta si siano mai registrati casi di covid tra i nostri praticanti”.

A prescindere che sia una decisione politica o del Comitato Tecnico Scientifico, la situazione resta particolarmente delicata. “Chiedo un incontro urgente per portare la voce e la disperazione del nostro settore, dei nostri atleti e dei nostri iscritti, alla conferenza Stato-Regioni” si legge nella lettera fatta recapitare da Danilo Russu al presidente della Regione Sardegna che poco meno di un anno fa mostrò il suo interessamento agli sport natatori assegnando i contributi straordinari.

Intanto Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha condiviso osservazioni e proposte di modifica al decreto-legge, inoltrate al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie e al Ministro della Salute, richiedendo di “inserire un’apposita previsione per la riapertura delle piscine al chiuso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu