Olimpiadi, le preoccupazioni del Comitato organizzatore: più test e più infermieri

La diffusione della pandemia di Covid e le preoccupazioni legate alla diffusione delle nuove varianti del virus spingono le autorità giapponesi a moltiplicare le misure di sicurezza.

Tutti i partecipanti provenienti dall’estero dovranno sottoporsi ad almeno due test nelle 96 ore precedenti la partenza e saranno nuovamente testati in aeroporto al momento dell’arrivo in Giappone.

Tra mercoledì e venerdì saranno pubblicati i nuovi playbook per tutti i partecipanti ai Giochi che illustreranno le misure igienico sanitarie, scrupolosamente elencate a partire dalla quarantena di quattordici giorni (nei quali gli atleti potranno muoversi solo all’interno del Villaggio olimpico e verso e dal campo di allenamento o gara) dopo l’arrivo e all’obbligo di sottoporsi a test quotidiani.

Nel frattempo il Comitato organizzatore si sta adoperando per ingaggiare ulteriori 500 per garantire l’assistenza medica durante l’evento, la principale sfida logistica in un momento in cui la sanità giapponese è sotto pressione a causa delle citate varianti che hanno costretto le autorità a dichiarare per la terza volta lo stato di emergenza nella Città metropolitana di Tokyo e nelle prefetture di Osaka Kyoto e Hyogo nel Giappone occidentale, dal 25 aprile all’11 maggio.

Leggi la notizia su Kyodo News [ENG]

Ph. ©Vital1na @Pexels

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il ritorno della 19enne stakanovista Li Bingjie, 14 prove per 6.600 metri di gare in 7 giorni.

Il ritorno della 19enne stakanovista Li ...

La 19enne liberista Li Bingjie (2002), nel corso dei XIV Campionati Nazionali cinesi di Qingdao ha preso parte a sette giornate ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu