Barelli: “Idonei sostegni economici per evitare fallimento di piscine e società”

Il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli ha incontrato mercoledì pomeriggio a Roma il delegato del “Coordinamento Associazioni Gestori Impianti NatatoriMarco Sublimi e all’unisono tornano a chiedere la riapertura delle piscine e immediati sostegni economici. “Il nuoto occupa l’attività fisica di circa cinque milioni di italiani. I danni provocati dalle chiusure imposte, rischiano di portare al fallimento piscine e quindi le società che le gestiscono, se non arriveranno cospicui ed idonei sostegni economici – spiega Barelli – Ad oggi, purtroppo, sono giunti risibili ristori a differenza delle altre categorie”.

Un grido d’allarme ribadito anche da Marco Sublimi: “Oltre tremila piscine e migliaia di lavoratori sono al collasso. Numeri importanti ma che fanno capire come la chiusura degli impianti abbia messo in ginocchio un intero comparto – sottolinea il delegato del “Coordinamento Associazioni Gestori Impianti Natatori” – Auspichiamo la riapertura delle piscine coperte dal primo giugno, ovviamente in sicurezza. Ma il Governo apra un tavolo per l’emergenza piscine nel Paese. Abbiamo bisogno di sostegni immediati e adeguati per scongiurare l’irreparabile fallimento”.
Il Coordinamento Associazione Gestori Impianti Natatori è nato lo scorso mese d’aprile per tutelare la sussistenza del settore che coinvolge migliaia di impianti. I gestori di impianti natatori AGISI, ASSONUOTO, Insieme si vince, Piscine del Piemonte e SIGIS lavoreranno in questo periodo emergenziale per la sopravvivenza degli impianti natatori.

 

Foto di compertina © Federnuoto

Antonio Satta: "Per me allenare è un'arte - Devo essere vero, devo essere me stesso."

Antonio Satta: “Per me allenare è un’art...

C'è chi fa l'allenatore e c'è invece chi è allenatore. Antonio Satta (Centro Nuoto Torino) sicuramente fa parte della seconda categoria ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative