Olimpiadi, il dietrofront delle città ospitanti

Sono già 31 le municipalità giapponesi che hanno ritirato la propria disponibilità come “città ospitanti” nelle quali accogliere atleti stranieri per training camp e scambi culturali prima dei Giochi, a causa ovviamente della pandemia di Coronavirus.

Il governo centrale sta cercando le risorse per accollarsi le spese aggiuntive per le spese aggiuntive legate alla prevenzione del Covid, ma le cittadine più piccole non hanno comunque le risorse umane disponibili per tutto il necessario lavoro extra. Peraltro molte delegazioni straniere stanno ritirando le richieste.

A tutto aprile erano 528 le municipalità aderenti al programma per accogliere atleti provenienti da 184 paesi, nella prima iniziativa di questo tipo nella storia delle Olimpiadi.

Leggi la notizia su Kyodo News [ENG]

Ph. ©Pexels

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu