#SALVIAMOLEPISCINE è tanto più delle sole piscine. Un contributo di Alberto Manzotti

Mi unisco all’appello lanciato dalla FIN e dai ragazzi della nazionale di nuoto impegnati in questi giorni a Budapest nei campionati europei.

In Italia ci sono all’incirca 3.000 impianti natatori coperti la cui stragrande maggioranza è di proprietà pubblica. Negli anni passati gli enti pubblici proprietari, per ragioni di bilancio e di impegno di risorse, hanno cessato di gestire le piscine e progressivamente affidato gli impianti in concessione ai privati. Si tratta di una situazione abbastanza ricorrente in molti servizi pubblici. Il problema è che questi privati erano le società sportive, che pur di mantenere in vita le attività si sono dovute inventare imprenditori, anche perché la normativa che regolamenta i bandi per le concessioni non distingue se essa riguardi una piscinetta di quartiere o il ponte sullo stretto di Messina.

Gli effetti dell’esternalizzazione delle gestioni sono essenzialmente due:

  1. Risparmio sul bilancio degli enti pubblici, sia in spesa corrente che investimenti poiché spesso le gare per le concessioni erano costituite sia da lavori a carico del concessionario che dalla gestione
  2. Assunzione di rischi da parte delle società sportive, che non sono imprese, con lo stravolgimento di una regola fondamentale che è alla base di ogni rapporto economico: il rischio in un contratto deve sempre essere ripartito tra le parti in funzione della capacità dei contraenti di poterlo gestire.

Il secondo punto, conseguente e collegato al primo, è la chiave della distorsione che il Covid-19 ha mostrato in tutta la sua virulenza.

Le società sportive che hanno subito il processo di esternalizzazione e che per non scomparire si sono fatte carico carico delle gestioni degli impianti pubblici, non solo si sono assunte rischi sproporzionati alla loro capacità economica e organizzativa, ma hanno svolto un ruolo determinante anche sul piano sociale e tutela della salute.

Purtroppo, le piscine sono strutture a costi elevati ed essenzialmente fissi, anche chiuse costano molto in quanto manutenzioni, mutui, ammortamenti, assicurazioni, una parte di energia e di personale deve essere in ogni caso impiegato al fine di non fare ammalorare un bene che, in fin dei conti, è pubblico e pertanto meritevole di maggior tutela.

Sia il codice dei contratti che una specifica norma emanata a seguito della pandemia (art. 2016 comma 2 D.L. 34/2020), consentono il riequilibrio economico della concessione. Nonostante la norma specifica citata, le linee guida ANCI e le richieste dei gestori, lo Stato non ha dato seguito sul piano finanziario a Leggi che lo stesso ha emanato. Inutile scrivere un D.L. che preveda il riequilibrio se poi ai comuni non sono trasferiti i fondi necessari per poterlo attuare. Nei vari decreti ristori il settore non solo è stato ignorato, ma pure penalizzato non considerando i proventi delle attività sportive nel calcolo dei mancati ricavi. Per ultimo il programma delle riaperture penalizza in modo incomprensibile gli impianti coperti non adducendo alcuna giustificazione a questa insensata ostinazione a mantenerli chiusi fino al 1° luglio 2021.

I risparmi che lo Stato ha ottenuto in tanti anni di esternalizzazione delle gestioni dovrebbero, almeno in parte, essere utilizzati per salvaguardare chi in questi anni si è fatto stato, ha consentito a proprio rischio che lo Stato ottenesse i risparmi derivanti dalle esternalizzazioni. Dietro ogni piscina oggi si è creato un mondo, atleti, associazioni, cittadini frequentatori, dipendenti e collaboratori, fornitori, relazioni sociali positive che rischiano di essere spazzati via dall’inadeguata risposta dello Stato alle legittime richieste di rispettare le stesse Leggi che lo stesso ha emanato e si chiede di smettere di penalizzare gli impianti natatori per motivi che nemmeno vengono spiegati.

Per questo #SALVIAMOLEPISCINE è tanto di più delle sole piscine.

Foto #salviamolepiscine – FIN Piemonte e Valle d’Aosta – comunicazione dedicata – Piscina Comunale di Alba (CN)

Alberto Manzotti

  • Docente presso la LUISS B.S. “Guido Carli” di Roma in finanza aziendale oltre che in progetti specifici di formazione per aziende
  • Libero professionista, si occupa principalmente di aspetti finanziari legati alle procedure di appalto pubblico, in particolare di project financing
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu