Tokyo day 1, le dichiarazioni degli azzurri

Sul sito ufficiale di Federnuoto sono disponibili le dichiarazioni degli azzurri impegnati nel primo turno di gare alle Olimpiadi di Tokyo.

Alberto Razzetti:

Direi che centrare la finale al primo colpo è il modo migliore per iniziare. Sono veramente felice. Il tempo è molto buono, peccato per quei pochi centesimi che mi separano dal record italiano. Le sensazioni sono veramente ottime. Per me essere qui è già un sogno, peccato per l’assenza del pubblico ma è tutto bello comunque: un’emozione unica

Gabriele Detti:

Quest’anno non ho mai raggiunto grandi risultati, ma erano tutte tappe di passaggio. Sono contento. Ho condotto una gara senza strafare, ma la finale sarà completamente differente. Sarà strano nuotare una finale al mattino. Mi piacerebbe provarci. Voglio divertirmi come ai vecchi tempi, dando tutto quello che posso: anche di più.

Ilaria Cusinato:

È surreale, non pensavo di potercela fare ad entrare in finale. Mi sentivo più pronta per i 200 misti. Ho nuotato un tempo più basso rispetto agli Europei. È una soddisfazione immensa questa finale, che mi ripaga di tutti gli sforzi fatti in questi due anni difficili. Domani vincerà chi saprà adattarsi meglio.

Elena Di Liddo:

Per me è la prima olimpiade e il carico di tensione è diverso, rispetto ai mondiali e agli europei. Il primo obiettivo era il pass per la semifinale ed è stato centrato.

Ilaria Bianchi (nella foto):

Essere qui è il sogno di qualsiasi atleta. Non pensavo di passare il turno. Un tempo così non lo nuotavo da tanto tempo. L’atmosfera diversa alle altre olimpiadi è un po’ differente, non c’è il pubblico, ma la magia è sempre la stessa.

News ufficiale Federnuoto

Ph. ©Deepbluemedia

IL NOSTRO SPECIALE OLIMPIADI

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu