Australia: Posticipata anche l’Australian Swimming League (ASL)

Gli organizzatori dell’Australian Swimming League (ASL), il nuovo circuito professionistico per il nuoto di élite australiano che avrebbe dovuto prendere il via il prossimo ottobre sull’onda del grande successo ottenuto dalla squadra nazionale di nuoto alle Olimpiadi di Tokyo, hanno ufficializzato il posticipo dell’evento all’inizio del prossimo anno a causa dell’incertezza della situazione COVID-19.

A sottolineare l’attenzione degli australiani circa il contenimento della diffusione del COVID-19 ricordiamo che tutti gli atleti di ritorno dai Giochi Olimpici hanno dovuto rispettare al loro rientro in Australia una quarantena di due settimane (14 giorni) presso specifiche strutture (alberghi), solo l’altro ieri alcuni big del nuoto australiano hanno potuto congiungersi con i loro cari.

Non è una decisione che volevamo prendere, ma è una decisione responsabile“, ha dichiarato l’amministratore delegato dell’ASL Stuart Coventry in una nota informativa fornita alla stampa circa il posticipo. “Ci dispiace ritardare i nostri piani, ma è stato davvero piacevole la risposta straordinariamente positiva che l’ASL ha ricevuto da quando è stata inaugurata la lega“.

 

Articoli correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu