Freedom in the water, 8° campionato italiano paralimpico

Appuntamento da non perdere per sabato 18 settembre, Pineta Mugoni ad Alghero. Ottava edizione del Campionato Italiano di Nuoto Paralimpico in Acque Libere e ottava edizione del meeting Freedom in Water, evento che è riuscito a racchiudere in un’unica manifestazione atleti olimpici e paralimpici. Entrambe le manifestazioni infatti contribuiscono all’assegnazione del titolo Italiano Open Water  FIN e FINP.

Nato nel 2014 su iniziativa dell’allora delegato Regionale FINP Danilo Russu (ora Presidente FIN Sardegna) e di Gianluca Cacciamano Consigliere Nazionale FINP (oggi vice Presidente Nazionale) con lo scopo inclusivo di ospitare in un’unica manifestazione atleti olimpici e paralimpici. Oggi, all’ottava edizione, si registra il record di iscrizioni di atleti appartenenti alle rispettive federazioni.

33 Atleti paralimpici e oltre 140 olimpici, tra agonisti e master FINP. Questo grazie alla sinergia regionale maturata in questi anni tra FINP e FIN ma allo stesso tempo grazie al lavoro portato avanti dall’ASD Progetto AlbatroSS presieduto da Manolo Cattari. Numeri importanti per un progetto che è cresciuto nel tempo, grazie al lavoro fatto nel passato ma anche al presente e alla nuova delegata FINP Silvia Fioravanti.

Presenti, tra gli atleti Gregorio Paltrinieri, Dario Verani, Roberto Pasquini e Francesca Secci.
Gregorio Paltrinieri alla Freedom in water 2020
Tra le autorità presenti il consigliere federale FIN Roberto Del Bianco e il Coordinatore delle squadre di nuoto di fondo FIN Stefano Rubaudo, per la FINP il Presidente Roberto Valori, il Segretario Generale Francesco Riccobello e il DT Riccardo Vernole.
L’appuntamento è per sabato 18 settembre con il seguente programma:
  • ore 09.00 partenza Campionato Italiano di Nuoto Paralimpico in Acque Libere Classi S3-S6
  • ore 10.00 partenza Campionato Italiano di Nuoto Paralimpico in Acque Libere Classi S7-S10, S11-S13. agonisti FIN e Master FIN.

ASCA World Clinic 2024

Orlando (USA)
04-09-24
Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative