Nicola Cassio: “O Green pass o ci si ferma. Gli sportivi hanno capito”

“O così o niente. Lo sport non si può fare in casa. Tra le mura domestiche in qualche modo si può lavorare, studiare, anche socializzare, ma fare sport no, quindi o si ha il Green pass o ci si ferma, e nel mondo dello sport mi pare che lo abbiano capito tutti”. L’olimpionico Nicola Cassio, presidente della sezione triestina dell’Associazione Atleti Azzurri d’Italia, ha le idee molto chiare sul dibattito in corso in tema di certificazioni verdi e vaccini e le espone in un’intervista al quotidiano il Piccolo.

Cassio, campione mondiale in vasca corta con la 4×200 a Shangai nel 2006 insieme a Massimiliano Rosolino, Matteo Pellicciari e Filippo Magnini, ha sottoscritto la petizione promossa dai professori universitari Mitja Gialuz Tiziana Benussi che ad oggi ha raccolto oltre 42mila sottoscrizioni per ribadire il ruolo di “capitale italiana della scienza”, messo in discussione dalle numerose manifestazioni antivacciniste delle ultime settimane.

“Bisogna andare avanti, e lo dico soprattutto per i giovani” prosegue Cassio “Abbiamo vissuto la pandemia e le restrizioni che ne sono conseguite. Abbiamo dovuto interrompere l’attività sportiva e agonistica, con tutte le conseguenze del caso. Ora è tempo di voltare pagina e di tornare a vivere, e l’unico modo per farlo è sfruttare gli strumenti che abbiamo a disposizione. Il mondo dello sport ha reagito  in modo consapevole. Qui nessuno vuole ridursi a competere con se stesso o contro un cronometro. Esistono gli sport individuali, ma sono solo una parte; per il resto lo sport è squadra, contatto. Come si può pensare di giocare a basket o fare arti marziali, dove il contatto è molto forte, senza avere una protezione? È impensabile, e infatti mi pare che gli sportivi abbiano capito che il Green pass non è un’imposizione, ma un aiuto. O ci si è vaccinati o ci si deve tenere monitorati ogni due giorni, perché si tutela se stessi e gli altri”.

E a ribadire che Trieste non è solo  no vax, l’iniziativa del Centro Federale diretto da Franco Del Campo  che dallo scorso mese di ottobre è diventato hub vaccinale grazie alla collaborazione tra FIN Plus e Azienda sanitaria locale.

Leggi l’intervista integrale

L’appello a Trieste

NOTIZIE CORRELATE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

6° Trofeo SIS ROMA

Ostia
01-07-22

Rossini Swim Cup

Pesaro
02-07-22

23° Meeting di Tortona

Tortona
09-07-22
Sasha Touretski: "Sono molto felice di essere tornata sui 50 stile: è la mia gara."

Sasha Touretski: “Sono molto felic...

Abbiamo avuto il piacere di incontrare Sasha Touretski a Merano e di scambiare con lei qualche battuta. Nonostante il cognome ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu