Vampiri

Oggi è il Safer Internet Day ovvero la giornata mondiale per sensibilizzare la popolazione sul tema della sicurezza in rete.

L’obiettivo è quello di promuovere i corretti comportamenti da osservare quando si è connessi.

Devo dire che nel contesto relativo alla pandemia il tema della correttezza dell’utilizzo di tutto ciò che è connesso alla rete è diventato ancora più centrale nella vita di noi tutti. Ed è un tema che si lega anche alla carenza di sonno. Ed è proprio su questo che vorrei focalizzarmi.

Dormire è importante. Lo è a tutte le età. Lo è per tutti. Ma sembra che molti adolescenti ne facciano a meno. Proprio come i vampiri.

È il fenomeno del vamping ovvero la malsana abitudine di rimanere svegli la notte per rimanere connessi alla rete: chat, serie tv, videogiochi.

La loro è una scelta deliberata: vanno a letto ma per rimanere svegli. E senza la supervisione dei genitori c’è persino l’illusione di avere più privacy ed autocontrollo che fa tanto trasgressione e libertà: un cocktail emotivo inebriante ma molto pericoloso. La mancanza di sonno è solo la conseguenza negativa più evidente. Alla quale se ne legano molte altre.

Innanzi tutto c’è da dire che in adolescenza il cosiddetto bedtime è ritardato ed il sistema sonno è più vulnerabile allo stress e quindi la carenza di sonno trova un terreno particolarmente fertile per fare danni. Diminuisce la capacità dei neuroni di rispondere agli stimoli che si traduce in maggiore distraibilità, minore capacità di concentrazione e ridotta capacità di ricordare.
Si verificano cambiamenti nella regolazione emotiva, irritabilità, aggressività ed una maggiore tendenza a mettere in campo comportamenti a rischio e sviluppare sintomi depressivi.

Si crea uno stato di sonnolenza nelle ore diurne soprattutto nei momenti di bassa stimolazione come in compiti ripetitivi e noiosi, in attività di lettura ed in attività di guida. È necessario un maggiore sforzo per eseguire le stesse attività cognitive, emotive, fisiche. In modo particolare le difficoltà sono molto più evidenti se si è impegnati in due compiti contemporaneamente, come per esempio controllare pensieri ed emozioni contemporaneamente, pensare e risolvere problemi mentre si gestiscono delle relazioni sociali.

Tutte conseguenze che spingono la qualità della vita verso il basso: rendimento scolastico che peggiora e, se si è impegnati in attività sportive, impossibilità di affrontare allenamenti e gare.

E quindi nel giorno del Safer Internet Day è importante ricordare alcune semplici regole per promuovere un corretto stile di vita in relazione all’utilizzo dei social.

Intanto non ospitate nella vostra camera da letto i vostri device, spegneteli e metteteli in carica in un’altra stanza. Non mangiate zuccheri e cioccolata dopo cena e tenete le luci basse: la sera ci si prepara per dormire. Utilizzate il letto solo per dormire e tenete la stanza fresca.

Ed un’ultima cosa: cercate di andare a dormire sempre alla stessa ora.

Dormire bene è una ricarica preziosa alla quale nessuno può rinunciare. Ed ancor meno gli atleti. Quindi lasciate la notte ai vampiri e tuffatevi nel magico silenzio della notte.

Ph. ©Unsplash

ARTICOLI CORRELATI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

6° Trofeo SIS ROMA

Ostia
01-07-22

Rossini Swim Cup

Pesaro
02-07-22

23° Meeting di Tortona

Tortona
09-07-22
Sasha Touretski: "Sono molto felice di essere tornata sui 50 stile: è la mia gara."

Sasha Touretski: “Sono molto felic...

Abbiamo avuto il piacere di incontrare Sasha Touretski a Merano e di scambiare con lei qualche battuta. Nonostante il cognome ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu