Pubblicato il primo articolo scientifico sull’International Swimming League

ISL naples

Nel 2019 è nato un nuovo circuito di competizioni internazionali: l’International Swimming League (ISL), che include i migliori nuotatori del mondo.

Durante la seconda edizione, il circuito prevedeva 13 incontri in 5 settimane, consentendo ai nuotatori di nuotare fino a 7 incontri durante quel periodo (se i nuotatori partecipavano a tutti gli incontri della loro squadra fino alla finale).

Si potrebbe già considerare un nuovo modo di considerare la periodizzazione dell’allenamento del nuoto per moltiplicare le prestazioni di alto livello?

In questo contesto, il dibattito sulla quantità o la qualità dell’allenamento non è mai stato così attuale, sia in termini di culturali che scientifici. Alcuni studi hanno evidenziato i potenziali effetti positivi dell’accumulo di gare e competizioni durante tutta la stagione. Nel cosiddetto “block training”, l’accumulo di competizioni agonistiche alla massima intensità in un periodo di tempo breve, corrisponde alla fase di trasmutazione dell’allenamento a blocchi che segue una fase di accumulo generale di orientamento.

Tali microcicli d’urto competitivi durante i quali il volume dell’allenamento è notevolmente ridotto e l’intensità è spinta ad un livello estremo, costituiscono periodi di sovraccarico specifici che promuovono un elevato trasferimento positivo da capacità fisiologiche generali a capacità neuromuscolari, energetiche e tecniche altamente specifiche.

Tuttavia, durante la ISL, le gare sono separate da pochi giorni, il che non offre la possibilità di prevedere un ripristino completo, che potrebbe portare a uno stato di sovrallenamento e influire sulle capacità di recupero. A seconda del piano di periodizzazione, è anche possibile che le pratiche di allenamento tra gli incontri possano differire; alcuni nuotatori potrebbero allenarsi duramente durante l’intero evento ISL, mentre altri potrebbero pianificare un tapering per le semifinali e le finali. In tal senso, sembra importante monitorare l’evoluzione delle prestazioni durante i periodi agonistici specifici.

Partecipanti:
Alla ISL hanno partecipato un totale di 309 nuotatori di livello mondiale (uomini e donne) provenienti da 45 paesi, specialisti in una o più distanze che vanno da 50 a 400 m. È importante sottolineare che la partecipazione dei nuotatori dipendeva dalla scelta delle squadre. Il protocollo di ricerca è qualificato come non interventistico (articolo L1121-1 del Codice di sanità pubblica francese). Pertanto, lo studio non ha richiesto il consenso informato dei singoli atleti.

Dati ISL
Caratteristiche dei partecipanti (prestazioni, età, altezza, massa corporea, etc.)

 

Raccolta dei dati:
Tutti i risultati sono stati raccolti in equalizzerei modo. Per ogni nuotatore sono stati registrati nome, altezza, massa, apertura alare, età, paese, data e ora. Tutti i dati sono stati raccolti dal sito web dell’ISL.

Discussione:
Il presente studio descrive le variazioni prestative di nuoto durante le competizioni ISL 2020 tenutesi a Budapest.

La variazione complessiva ha mostrato un miglioramento di 0,0005 m/s/d nella velocità di nuoto. Questa progressione generale (∼1,0% della velocità) dall’inizio alla fine di questo periodo di 5 settimane sembra essere maggiore rispetto ai precedenti che hanno dimostrato lo 0,8% in un’intera stagione.
I nuotatori nella fascia di età da 23 a 26 anni hanno mostrato una progressione maggiore rispetto ai nuotatori più giovani (<23 anni) e più anziani (>26 anni).

Potenzialmente, la capacità di ripetere prestazioni elevate in un periodo di 5 settimane deriva dal compromesso tra il picco delle capacità fisiologiche e l’acquisizione dell’esperienza agonistica di alto livello. È probabile che questi nuotatori siano in grado di gestire meglio la propria forma fisica e il recupero in un periodo di 5 settimane, apportando miglioramenti match dopo match garantendo una qualità agonistica sempre più competitiva.

ISL GRAPHIC
La distribuzione posteriore del coefficiente di regressione β1 che indica il guadagno di velocità può essere previsto per 1 giorno in più della competizione della ISL. Questa stima si basa su un database completo, e indica una progressione complessiva intorno a 0,0005 m·s–1·d–1, indipendentemente dalla disciplina o dal sesso. La parte centrale della distribuzione rappresenta i valori all’interno dell’intervallo credibile del 95% e valori inferiori a 0 indicano una diminuzione del tempo di gara.

 

Dati ISL
Coefficienti β1 dal modello misto lineare bayesiano per ciascun evento. Sia gli uomini che per donne.

 

Conclusioni:
Durante la ISL, i nuotatori hanno mediamente migliorato le loro prestazioni, soprattutto per gli atleti di alto livello nella fascia di età dai 23 ai 26 anni, e nelle competizioni dei 100 e 200m e per gli uomini rispetto alle donne.

I risultati dovrebbero aiutare gli allenatori a comprendere meglio come organizzare ed integrare i piani di periodizzazione dell’allenamento, ovviamente pianificando in base al profilo dei propri atleti.

Article [ENG]: pubmed.gov

ph. Giorgio Scala/Deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu