MOM 2022 di Marsiglia (D3). Arianna Castiglioni vince i 100 rana (1.07.86). Dotto d’Argento nei 100 stile libero. Doppietta per Sjostroem 50 stile libero e 100 farfalla.

Con la terza giornata di gare cala il sipario sulla decima edizione del “Meeting Open de la Méditerranée” del circuito Golden Tour Camille Muffat ospitato dal Cercle des Nageurs di Marsiglia.

Sintesi giorno 3

Arianna Castiglioni vince i 100 rana in 1.07.86 (31.71), l’azzurra non migliora il crono ottenuto in batteria al mattino (1.07.70),  fra gli uomini la vittoria di specialità va al britannico Adam Peaty con un per lui modesto 59.83. La svedese Sarah Sjoestroem vince e convince, suo lo sprint dello stile libero (24.33) e poco dopo i 100 farfalla (57.87), in quest’ultima prova l’azzurra Elena Di Liddo chiude in terza posizione (59.63). L’ungherese Anja Kesely è d’oro negli 800 stile libero davanti all’Italiana Noemi Cesarano, 8.38.41 contro 8.41.94. Bronzo per l’italiano Simone Stefani nei 50 dorso (25.81), lo svizzero Noe Ponti dopo i 100 farfalla (51.63) della prima giornata si aggiudica anche la finale odierna sulla doppia distanza (1.57.28). I 200 stile libero femminili sono stati vinti dalla ceca Barbora Seemanova (1.59.31), quarta piazza per Cesarano Antonietta (2.01.04). Il britannico Jacob Whittle vince i 100 stile libero (49.15) davanti all’azzurro Luca Dotto (49.62).

Sintesi giorno 2.

Nei 200 farfalla vinti dall’ungherese Dora Hathazi (2.11.48) l’azzurra Alessia Polieri è d’argento con 2.11.48, quarta l’italiana Roberta Piano Del Balzo (2.12.32), la ceca Kristyna Horska è la migliore nei 200 rana (2.27.42), l’azzurra Arianna Castiglioni ha rinunciato alla finale pomeridiana dopo aver nuotato il miglior crono delle batterie del mattino (2.30.42), per soli 3/100esimi la britannica Anna Hopkin vince i 100 stile libero sull’atleta di casa Charlotte Bonnet, 54.14 contro 54.17.

Il 24enne austriaco Christophe Rohtbauer nuota i 200 rana in 2.10.79,  quarta piazza per il britannico Adam Peaty non proprio a suo agio sulla distanza (2.14.48), Florent Manaudou vince i 50 farfalla (23.31), nei 400 misti il francese Emilien Mattenet è d’oro con 4.16.75.

Dalla giornata odierna nessuna prestazione sopra i 900 punti FINA.

Per tutto il resto rimandiamo ai risutati completi, segue link.

Sintesi giorno 1.

Il fuoriclasse britannico Adam Peaty vince i 50 rana (27.16), terzo l’italiano Simone Cerasuolo (27.83), nella medesima prova al femminile l’azzurra Arianna Castiglioni chiude la finale in terza posizione (31.21) dopo aver nuotato il primato della manifestazione nelle batterie del mattino (30.81), vince l’israeliana Anastasia Gorbenko che sigla il nuovo record (30.66). Florent Manaudou è il più veloce nello sprint dello stile libero (22.04) davanti al nostro Luca Dotto (22.39). La francese Melanie Henique fa suoi i 50 farfalla (25.67), quarta Viola Scotto Di Carlo (26.66) e quinta la pugliese Elena Di Liddo (26.81). Lo svizzero Noe Ponti domina i 100 farfalla (51.63), sul podio per il bronzo Simone Stefani (53.47). La russa Anastassia Kirpitchnikova con 4.08.99 vince i 400 stile libero, terzo posto per l’italiana Antonietta Cesarano (4.10.79). L’algerino  Jaouad Syoud nei 200 misti ha avuto la meglio sullo svizzero Jeremy Desplanches, 1.58.51 contro 1.59.16. A chusura di giornata Alessia Polieri vince i 400 misti (4.47.00).

Notizie correlate

La scorsa edizione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING

XXII Coppa della Perdonanza

L’Aquila
03-12-22

1° Livorno Winter Meet

Livorno
17-12-22

Laus Christmas Cup

Lodi
18-12-22
Solidarietà Olimpica: dalla nascita al giorno d’oggi, una storia raccontata da Pere Mirò

Solidarietà Olimpica: dalla nascita al g...

Pere Mirò entra a far parte del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) nel 1992 su richiesta dell’allora presidente Juan Antonio Samaranch, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu