arena lancia “Swim 4 the Seas” e supporta Sea Shepherd nella salvaguardia degli oceani

Comunicato arena

In arena, ci preoccupiamo per l’acqua e la nostra risorsa naturale più abbondante è parte integrante del patrimonio e del DNA del marchio. Per la Giornata mondiale degli oceani di giugno, arena è quindi orgogliosa di supportare Sea Shepherd nella sua missione di ripulire e proteggere gli oceani lanciando una sfida di 10 giorni “Swim 4 the Seas” in collaborazione con Strava, la prima del suo genere social network mondiale per gli atleti.

Dal 3 al 12 giugno, arena sfida i nuotatori di tutto il mondo a completare 4 km in 10 giorni su Strava. In cambio di ogni sfida completata, arena e Sea Shepherd si impegnano a pulire dai nostri oceani l’equivalente di 200 sacchetti di plastica monouso di reti, palangari e FAD (Fish Aggregating Devices) illegali dai nostri oceani.

Peter Graschi, CEO di arena, ha commentato:

“Che sia in piscina, al lago o nell’oceano, incoraggiamo tutti e i loro amici ad affrontare la sfida ‘Swim 4 the Seas’ su Strava e ad aiutare a ripulire i nostri oceani una bracciata alla volta. Vogliamo raggiungere 5.000 persone in tutto il mondo completando i 4 km di nuoto in dieci giorni in modo da poter rimuovere l’equivalente di 1 milione di sacchetti di plastica per celebrare la Giornata mondiale degli oceani di quest’anno. Avendo a cuore il nostro pianeta con passione, arena è orgogliosa di impegnarsi a collaborare con Sea Shepherd per attivarsi nel proteggere la nostra risorsa naturale più preziosa. Fatti strada verso oceani più puliti e aiutaci ad avere un impatto positivo. Gli oceani stanno soffocando per la plastica, quindi nuotiamo!

I nuotatori possono registrarsi per ulteriori informazioni sulla sfida di 10 giorni qui: https://swim4theseas.arenasport.com/en/

E condividi i progressi con arena su Instagram @arenaopenwater usando l’hashtag #Swim4TheSeas.

Per gli utenti Strava in Europa e negli Stati Uniti, al completamento della sfida verrà sbloccato un premio bonus.

 

L’unica missione di Sea Shepherd è proteggere e conservare gli oceani e la fauna marina del mondo. I FAD sono alcuni degli attrezzi da pesca più letali nell’oceano. Questi dispositivi di galleggiamento, destinati ad attirare i pesci, sono spesso realizzati in plastica e altri materiali non biodegradabili, inclusa una lunga cima di propilene per ancorare il FAD al fondale marino. I pescatori quindi circondano il FAD con le loro reti, catturando tutto ciò che incontra sul suo cammino. Ciò si traduce nella cattura non intenzionale – o cattura accessoria – di novellame e altre specie,  comprese le tartarughe marine in via di estinzione e i mammiferi marini, che possono rimanere aggrovigliati, feriti e annegati dalla lenza di propilene. E peggio, si stima che il 60% dei FAD si perda o venga abbandonato in mare come “equipaggiamento fantasma” che inquina l’oceano. Un altro esempio di equipaggiamento fantasma sono le reti da posta derivanti dalle spadare illegali, veri e propri muri della morte che vengono spesso abbandonati in mare, intrappolando e uccidendo indiscriminatamente la fauna marina come tartarughe, delfini, capodogli, balenottere comuni e squali per decenni se non recuperati.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole: investire sulla formazione per rimanere al vertice

Riccardo Vernole: investire sulla formaz...

Abbiamo raggiunto il direttore tecnico della Federazione italiana di nuoto paralimpico (FINP) Riccardo Vernole, che senza avere neppure il tempo di godersi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu