Papa Francesco riceve in udienza la Delegazione LEN. ” … ogni grande evento sportivo è un momento privilegiato di incontro tra giovani di Paesi diversi”

Ieri mattina Papa Francesco ha ricevuto in Udienza una delegazione della Lega Europea di Nuoto in occasione dei prossimi Campionati Europei di Roma (11-21 agosto 2022), di seguito il saluto che il Papa ha pronunciato nel corso dell’Incontro e il Messaggio rivolto a tutti gli atleti che parteciperanno ai Campionati:

Saluto del Santo Padre e Messaggio agli atleti

Gentili Signore e Signori!

Do il benvenuto a voi, alti dirigenti della Lega Europea di Nuoto. Ringrazio il Presidente per le sue cortesi parole.

Siete venuti in vista dei Campionati Europei che si svolgeranno a Roma nel prossimo mese di agosto. Sono contento che la nostra città torni a ospitare questa bella manifestazione sportiva; in questo momento abbiamo più che mai bisogno di sport, di sport vero!, per compensare la troppa conflittualità che appesantisce il nostro mondo e purtroppo anche il continente europeo.

Per questo ho accolto volentieri la vostra proposta di rivolgere un messaggio a tutti gli atleti che parteciperanno ai Campionati. Lo leggerò qui davanti a voi, e voi poi potrete trasmetterlo al momento opportuno.

Auguro ogni bene per voi, per le vostre famiglie e per il vostro lavoro. Che Dio vi benedica. E ora do lettura del messaggio.

Cari atleti e atlete!

Vi mando il mio saluto da Roma, dove, tra circa un mese, voi darete vita ai Campionati Europei di Nuoto. Questo mi rallegra, perché ogni grande evento sportivo è un momento privilegiato di incontro tra giovani di Paesi diversi, e dunque un segno di speranza per un mondo migliore. In particolare, questo corrisponde alla vocazione di Roma, città universale, città aperta al mondo, città da cui la Chiesa diffonde dappertutto il Vangelo della fraternità.

Penso che anche voi, come me, siate addolorati perché su questa festa sportiva pesa l’ombra della guerra in Ucraina. Ma vorrei che questo diventasse un motivo per manifestare con ancora maggior forza il nostro impegno per un mondo senza guerre, senza odio tra i popoli, senza minaccia nucleare.

Care atlete e cari atleti, vi auguro di vivere i vostri Campionati Europei di Roma come un momento di festa, di fraternità, in un clima sereno, che aiuterà anche ciascuno di voi a dare il meglio di sé. Benedico di cuore tutti i vostri cari. E vi chiedo, per favore, di pregare per me. Grazie!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Adam Peaty: "... Se avessi avuto un piede rotto, avrei nuotato con uno"

Adam Peaty: “… Se avessi avu...

Adam Peaty (27) a poche ore dall'ufficialità della sua presenza ai Giochi del Commonwealth ed ai Campionati Europei di Roma, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu