Olympic way, una scelta individuale.

John Wayne con Keo Nakama, Coach Sakamoto e altri membri della squadra Hawaiana degli anni 40/50:  Bill Woolsey, Ford Konno, Dick Cleveland and Bill Smith. Un esempio.

 

La questione è semplice. Bisogna formare un uomo perché sia capace di fare una prestazione? Oppure bisogna cercare una prestazione per formare un uomo? Non è una questione di parole. E’ il fondamento di una morale sportiva.

Olympic way

L’aspirazione olimpica, il meglio che l’uomo sportivo abbia saputo produrre, dice la seconda. E’ l’uomo il centro. Lo sport, anche agonistico, anzi soprattutto agonistico, è il miglior modo per tirarne fuori il meglio. La realtà dei fatti, invece, dice il contrario. L’uomo non conta. Il successo determina il potere e quindi l’importanza da dare allo sport. L’aspetto umano è secondario. Non c’è neanche bisogno di mettere sul piatto esempi estremi come la corruzione  nel movimento olimpico o il doping. Basta osservare la prassi o analizzare il pensiero di massa.

differenza

La differenza, però, fa la differenza. Se è vera la prima opzione, l’uomo è sostanzialmente un mezzo, non un fine. E’ lo strumento per ottenere la prestazione. Se è vera la seconda, il mezzo è invece lo sport, la modalità esistenziale perché l’uomo si esprima. In questo caso il fine è l’uomo. Kant è a posto.

fallimento

Se la prestazione è il fine ultimo, però, il fallimento dell’individuo è assicurato. Perché ad un certo punto la prestazione individuale viene meno. Non è così per l’istituzione, che può cercarla in un altro soggetto, ma lo è per l’atleta e il tecnico, che quando non sono più in grado di ottenerla, improvvisamente non servono più.

successo

Se il fine è  invece l’uomo, il successo individuale è assicurato, perché ci sarà comunque un risultato. Ci sarà per forza qualcosa che risulta dall’esperienza, un plus valore, un prodotto finale uscito dal lavoro di trasformazione che è stato fare l’allenamento e fare la gara per tutto quel tempo.

riconoscimento

Un problema potrebbe essere quello del bisogno di un riconoscimento pubblico. Probabilmente per stare  nella posizione giusta occorre rinunciarci. Ma forse non è necessario. Forse è sufficiente metterlo in secondo piano. Il riconoscimento privato invece, anche nella sua incertezza, è indispensabile, perché è la ricompensa che consente di agire moralmente.

una scelta individuale

La soluzione è comunque una questione individuale. Non centra l’associazione, né l’organizzazione. Non centrano regole o dichiarazioni d’intenti. La scelta è sempre individuale e si realizza in ogni singolo atto di ogni singola relazione, tra tecnico e atleta, società e tecnico, istituzione e società. Drammaticamente, come in ogni affermazione del libero arbitrio.

dedicato al mio amico Gianni alla fine di un colloquio significativo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu