Italiani all’estero: Inghilterra. Correva l’anno 1852.

 

 

 

 

sfida a due in un bagno di Londra. Dati i tipici cappellini delle signore, si direbbero gli anni 20.

 

A metà dell’800 gli inglesi, lo abbiamo detto, erano senza dubbio i migliori nuotatori al mondo. Per non dire che erano gli unici. Avevano delle organizzazioni, premi da assegnare ai vincitori, un attività professionistica avviata. Giornali. Gli italiani erano insignificanti. Non avevano niente, né piscine, né organizzazioni, né storie da raccontare. Anche i giornali erano miseri a confronto. La Gazzetta dello sport non era ancora nata (fu fondata precisamente nel 1896).

1852

Eppure, proprio in quegli anni, nel 1852, accadde una di quelle rivincite che oggi ci avrebbero fatto fremere di retorica nazionale per almeno una settimana. Il fatto avvenne in una di quelle sfide che si tenevano periodicamente nei bagni pubblici di Londra. Erano i prodromi del nuoto come lo conosciamo noi. I padrini, si incontravano, concordavano la posta e i premi e organizzavano la sfida a due. Se i giornali centravano qualcosa, garantivano scommesse e interessi, in cambio di lettori. I bagni di questa sfida erano i bagni di Holburn, proprio nel centro di Londra, uno dei  luoghi conosciuti come centri di divertimento e anche di trasgressione. Gli stessi dove nel 1844 era avventa la sfida tra la rana e il nuoto degli indiani.

19 settembre

Il 19 settembre di quell’anno, un immigrato italiano, un certo Carlo Marchelli, sfidò George Pewters, considerato un maestro tra i professionisti del nuoto inglese, che era stato campione nazionale fino al 1849. Il risultato fu eclatante, perché l’italiano batté l’inglese nettamente. La notizia suscitò una grande impressione nella stampa inglese. Niente comparì in quella italiana, dove non si ebbe nessun riscontro di quell’evento.

rivincita

Naturalmente, come accadeva in quei casi, si consumò anche la rivincita. Avvenne un anno dopo. Questa volta il risultato fu ribaltato, ma la vittoria di Pewters fu macchiata da una grave infrazione. Per passare davanti all’avversario, infatti, gli era salito sulla schiena, danneggiandolo platealmente. I giudici non poterono che infliggere all’inglese una meritatissima squalifica.

Dopo questa storia, però, del nostro concittadino Carlo Marchelli, non si riesce più a sapere niente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu