Dario Verani sulla 25 km “Mi auguro che nel tempo si arrivi a una soluzione o perlomeno a un alternativa”.

Dopo l’eliminazione della 25 km dai Mondiali, dopo l’Europeo disputato a Ostia, che ha fatto soffrire nuotatori e tifosi con una revisione del podio di pochi giorni fa, abbiamo voluto parlarne con Dario Verani, che probabilmente è l’atleta più rappresentativo della nostra Nazionale di fondo per la distanza dei 25 km.

Un Mondiale senza la 25 km?

Paradossalmente hanno eliminato la gara con cui è nato questo sport. Credo che toglierla sia aver tolto anche un pò della storia di questo sport. Un tempo ai mondiali c’era solo questa distanza. Non riesco a spiegarmelo e onestamente mi è dispiaciuto parecchio, anche perché è una gara che sento mia. 

Nel tempo sempre più persone si sono avvicinate a questa distanza, anche se la FINA dice che l’eliminazione è dovuta al fatto che è diminuito il numero degli iscritti a questa gara. In realtà è diminuito di un atleta, non di chissà quanti. Una 25 km mondiale con trenta partecipanti è a tutti gli effetti una gara di alto livello. 

Questa decisione può essere stata influenzata da quanto accaduto con gli Europei di Roma 2022?

Può aver influito forse, ma credo che se si devono cercare delle problematiche queste non siano tanto riconducibili alla distanza della gara, bensì al gruppo di giudici che doveva controllare la gara. Le condizioni meteo erano avverse, quello è un dato oggettivo. Avevamo nuotato già per quattro ore, personalmente credo che si potesse portare a termine. Credo sia stata gestita male da parte loro, anche a livello di classifica: non sono state prese le posizioni al momento dell’interruzione della gara. Non è stata la gara di lunga durata il problema, bensì un problema interno di gestione. 

Ma comunque non riesco a trovare la motivazione per eliminarla. 

Con la tua esperienza di atleta, ritieni che sia effettivamente più difficile da controllare e da gestire una gara come la 25 km, al punto tale da eliminarla da una competizione come il Mondiale?

Il tempo in cui un giudice deve controllare la gara ovviamente è più lungo rispetto a una distanza di gara più corta. Ma a livello di gestione ritengo sia molto più semplice. Una 10 km mondiale la fai con settanta partenti circa, una 25 km solitamente è di trenta. Il compito dei giudici è salvaguardare la sicurezza degli atleti: lo devi fare per più tempo, ma ne devi controllare meno della metà. Paradossalmente è più facile. 

Il percorso poi è quello della 10 km solo che ripetuto più volte. Perciò anche sotto questo aspetto non riesco a trovare delle valide motivazioni a supporto della decisione presa. 

VERANI Dario C.S. Esercito ITA
Campionati Italiani Assoluti di Nuoto in Acque Libere 2019
5 KM Uomini
Open Water Italian Championship 2019
Mens’s 5 KM
Piombino, Italy, 05/06/19
Photo Andrea Masini/Deepbluemedia/Insidefoto

 

Da atleta, come vivi questa decisione?

Quando sei specializzato sulle lunghe distanze non ti reinventi sulle corte. Vale un pò come per la vasca, se sei velocista difficilmente diventerai mezzo fondista. O comunque non è così frequente. Ci sono delle caratteristiche fisiologiche dell’atleta che bisogna tener conto e non si possono cambiare. Inoltre le gare vanno preparate in funzione della distanza. 

La funzione della FINA è tutelare e supportare l’atleta. Con questa decisione non mi sono sentito tutelato e supportato, anzi, sembra sia contraddittorio con quella che è la sua finalità. Hanno tolto opportunità. Perché un’atleta che ha buoni risultati in distanze così lunghe, difficilmente riesce a essere competitivo in quelle più corte. Mi sarei aspettato almeno un’alternativa. Invece non abbiamo avuto neanche quella. È stata semplicemente tolta una gara, penalizzando una fetta di atleti che hanno determinate caratteristiche. 

Mi auguro che con il tempo si trovi una soluzione o ci propongano almeno un’alternativa. Diventa difficile anche per noi atleti allenarci, entrando in acqua senza avere un obiettivo ben preciso. Sembra di essere di nuovo in lockdown: ci manca la gara obiettivo. 

VERANI Dario C.S. Esercito ITA
Campionati Italiani Assoluti di Nuoto in Acque Libere 2019
25 KM Uomini
Open Water Italian Championship 2019
Men’s 25 KM
Piombino, Italy, 07/06/19
Photo Andrea Masini/Deepbluemedia/Insidefoto

 

Quanto pensi che possa impattare nel movimento questa decisione? E in quello giovanile?

Parecchio. Togliendo una gara penalizzi tutto il movimento che ruota intorno a quella gara. Spero che non prendano altre decisioni di questo tipo, perché l’intero movimento delle acque libere ne risentirà. Il nuoto di fondo è sicuramente evoluto in questi anni e si trovava a vivere una vera e propria fase di decollo in questi anni. 

Il giovane atleta prediligerà altre distanze, perché su queste sa di essere penalizzato. Penso quindi che anche nel settore giovanile questo abbia delle ripercussioni. 

Noi atleti ci siamo mossi facendo una petizione e tutte le Federazioni hanno scritto alla FINA per rivedere queste decisioni. Ma mi chiedo se ad oggi queste posizioni siano ritrattabili. La LEN sembra approcciare la cosa in maniera completamente diversa. 

Il tuo percorso personale di atleta è sempre stato incentrato su questa distanza di gara?

Fino alla scorsa stagione gareggiavo anche nella 5 km. Poi, con il mio allenatore Fabrizio Antonelli abbiamo deciso di focalizzarci sulla distanza di gara da 25 km perché le mie caratteristiche di resistenza, accompagnate a una certa maturità di gestione della gara mi rendevano pronto per affrontare questo tipo di distanze. L’avevo nuotata anche tre-quattro anni fa, e già allora mi era piaciuta. Ma devi necessariamente arrivarci attraverso un percorso, perché non è una distanza di gara che si può improvvisare. 

ANTONELLI Fabrizio, VERANI Dario C.S. Esercito ITA
Campionati Italiani Assoluti di Nuoto in Acque Libere 2019
5 KM Uomini
Open Water Italian Championship 2019
Mens’s 5 KM
Piombino, Italy, 05/06/19
Photo Andrea Masini/Deepbluemedia/Insidefoto

 

Pochi giorni fa sono stati ufficializzati i risultati della 25 km di Roma 2022. Cosa pensi di questo?

Sicuramente sono felice che sia stata fatta chiarezza. Però non nascondo di sentire un pò di amarezza perché quell’argento non lo sento mio: è stato il frutto di una gara interrotta e io avevo altre aspettative. Date le circostanze credo comunque che sia stata la decisione giusta, il rischio era che finisse tutto in un nulla. 

L’unico rammarico è che si è arrivati a questa conclusione tre mesi dopo le gare. Penso che fosse una decisione che poteva benissimo essere presa sul campo gara. Avrebbe avuto un sapore diverso. Meglio tardi che mai. Sarebbe stato bello poter festeggiare con i compagni, ma prendiamo il buono di tutto questo. Rivangare quello che è stato non serve a nulla, è andata così. 

Guardiamo avanti e con positività: di recente è stato fatto un congresso LEN in cui sembra che la 25 km per gli Europei del prossimo anno ci sarà, e sembra anche che manterranno la gara per i Mondiali del 2024 di Doha. Anche se non ci sono ancora certezze, questo ci fa sperare che la distanza di gara in oggetto possa essere ancora prevista. Per noi atleti è una gran cosa e personalmente mi fortifica. 

 

LEN . 25 novembre 2022 – La LEN ha ufficializzato i risultati della 25 km dei Campionati Europei di Roma andate in scena lo scorso 20 agosto ad Ostia riconoscendo l’errore di non aver definito le classifiche e attribuito le relative medaglie congelando le posizioni al momento della sospensione della prova dopo circa 3 ore di gara e 19 km percorsi, nel comunicato LEN si legge che è in pieno corso la determinazione di un nuovo LEN Technical Open Water Swimming Committee (TOWSC).

Questo il podio maschile della 25 chilometri dei Campionati Europei di Roma 2022

PODIO 25 KM UOMINI

  • 1) SANZULLO Mario ITA
  • 2) VERANI Dario ITA
  • 3) FURLAN Matteo ITA

Articoli correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE

Corso Aiuto Allenatore Unico

Centro Federale Ostia
02-02-23

Corso Direttore Sportivo

CF di Ostia
10-02-23
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole

FINP in collegiale a Lignano Sabbiadoro....

A margine del collegiale della squadra nazionale incontriamo il presidente FINP Roberto Valori e il direttore tecnico Riccardo Vernole per una piacevole chiacchierata ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu