1887: arriva la Finlandia

1890 circa. Maestri di nuoto a Helsinky.

 

Prima del fatidico 1887 in Finlandia, esisteva un’attiva natatoria molto timida. Le cose cambiarono con la nascita dell’Helsingfors Simsaellskap, il club che divenne il traino del nuoto agonistico del paese scandinavo. I primi statuti di Helsingfors Simsällskap ricevettero l’approvazione del Senato imperiale russo (all’epoca la Finlandia era parte dell’Impero Russo) il 1º giugno 1887, atto che fa della società il più antico club di nuoto del paese. Il club, tuttora operante, ha promosso il nuoto in tutta la sua storia, sia per quanto riguarda l’insegnamento sia per l’agonismo, anche prima che ci fosse una vera federazione, nata solo nel 1906.

Pallanuoto

Simmis, questo il nickname della squadra, ha avuto molto successo sia nel nuoto che nella pallanuoto. La sua storia pallanuotistica nasce nel 1901, anche se un primo vero campionato in Finlandia fu disputato solo nel 1908. In quell’anno la squadra si è aggiudicata il titolo battendo l’altra squadra di Helsinky, l’Idrottslubb,  per 7 a 1. In totale l’Helsingfors Simsaellskap di pallanuoto ha vinto lo scudetto 46 volte.

Missione 

Il club ha una antica tradizione di sportività. La sua missione ancor oggi è “sviluppare le abilità natatorie in modo che il nuoto diventi hobby da praticare per tutta la vita per il maggior numero di persone possibili e dare agli atleti ogni opportunità di raggiungere il successo nazionale e internazionale”. Per migliorare lo sport d’élite, la società si propone di rafforzare l’apprezzamento positivo del nuoto, garantire spazi acqua adeguati agli atleti e utilizzare una rete di esperti per aumentare la professionalità del lavoro.

Spirito 

Lo spirito di corpo è al centro della vita sociale, come il rispetto per gli altri e il valore del fare cose insieme. La società intende anche perseguire una cultura della gratitudine e dell’incoraggiamento, l’onestà dei singoli e l’impegno costante verso obiettivi concordati e regole.

Atleti

L‘ Helsingfors Simsaellskap vanta tre atleti olimpici: Anneli Haaranen, Stig-Olof Grenner e Matti Rajakylä. Hasta Anneli Haaranen, soprannominata Ankka, nata il 18 dicembre del 1934 a Helsinky, ha partecipato alla edizione dei Giochi Olimpici che si svolse proprio a Helsinky nel 1952. Prese parte alla gara dei 100 dorso, piazzandosi quindicesima e alla staffetta mista dove fu tredicesima con la sua squadra. Stig Olof Grenner, detto Juffi, nacque invece il 6 maggio 1939, sempre a Helsinky. Fu stileliberista ai Giochi Olimpici di Roma, capace di un dodicesimo posto nella gara regina dei 100, quella vinta in maniera rocambolesca dall’australiano John Devitt. Naturalmente fu membro anche delle due staffette. Matti Rajakylä (Kirkkonummi, 14 agosto 1984)  è stato l’ultimo gioiello olimpico della società. Capace di diversi record nazionali a stile libero e a farfalla ha partecipato a due Olimpiadi: Atene 2004 e Pechino 2008. Ad Atene è arrivato 33° nei 100 stile e 11° nella staffetta veloce. A Pechino 29° nei 50 metri e 41° nei 100. Tra i suoi successi c’è un bronzo nei 50 stile libero ai Campionati Europei Juniores di Linz nel 2002, il bronzo nella staffetta 4×50 mista ai Campionati Europei in vasca corta a Vienna nel 2004 e il bronzo nei 50 farfalla ai Campionati Europei di Trieste. Un’altra medaglia importante, l’argento nella 4×50 mista, l’ha ottenuta ai Campionati Europei di vasca corta del 2006 disputati ancora una volta a Helsinky.

13° Meeting Squalo Blu

Serravalle (RSM)
26-04-24
Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative