Modifica al programma olimpico del nuoto per agevolare Léon Marchand

La stampa francese riporta la notizia che il Comitato Organizzatore delle Olimpiadi di Parigi 2024 (COJO)  ha convalidato la modifica all’ordine progressivo delle gare di nuoto su richiesta della Federnuoto francese, per consentire a Léon Marchand di candidarsi a quattro podi olimpici individuali; 200 misti,  400 misti, 200 rana e 200 farfalla, la Federazione internazionale (World Aquatics) ha accettato la modifica al programma, ma ad oggi non si legge nessuna informativa ufficiale sul sito  istituzionale della federnuoto mondiale.

Il programma pomeridiano del 31 luglio poneva qualche difficoltà al giovane talento francese per una sua eventuale partecipazione alle finali dei 200 farfalla e 200 rana, poste in origine a soli quindici minuti di distanza fra loro perché previste una dopo l’altra, nello specifico erano la seconda e la terza prova del turno pomeridiano, nel nuovo programma sono state distribuite come seconda e settima gara, consentendo un recupero di circa sessanta minuti fra le due finali.

Da quanto si legge su Le Monde, la Federazione francese e il tecnico statunitense Bob Bowman, allenare di Léon Marchand,  avevano allertato World Aquatics in merito a questa situazione ancora prima dei Mondiali di Fukuoka del scorso anno in Giappone.

Leon Marchand dovrà qualificarsi per i Giochi in occasione dei campionati francesi in programma dall’11 al 21 giugno a Chartres, potrebbe succedere che non si qualifichi in una delle due gare oggetto della modifica al programma olimpico, o che nel corso dei Giochi stessi decida di non disputare una delle due prove.

USA Swimming, preso atto della modifica, ha subito apportato gli aggiustamenti all’ordine delle gare dei Trials che rispecchiano fedelmente il programma olimpico di Parigi 2024, qui sotto l’ordine corretto.

I primi titoli olimpici del nuoto ad essere assegnati a Parigi 2024 saranno quelli dei 400 stile libero uomini e donne e quelli delle due staffette 4×100 stile libero.

Articoli correlati

Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative