Gran Bretagna. Day 1. Adam Peaty si qualifica per Parigi con 57.94. Tutti i vincitori. VIDEO

Nel medesimo impianto del London Aquatics Centre, dove nove anni fa realizzò il suo primo record mondiale, Adam Peaty torna a nuotare i suoi 100 rana sotto i 58 secondi, il fuoriclasse britannico ferma la piastra a 57.94 (26.80 -31.14), suo primato personale  stagionale e secondo tempo mondiale della stagione alle spalle del solo cinese Hayiang Qin (57,64), sono loro gli unici due atleti ad aver nuotato, in questa stagione, la distanza in meno di 58 secondi.

Adam Peaty

Non ho fatto un rande ritorno,  sono ancora ad un secondo del record mondiale. Ho sempre la stessa mentalità , ma ho un approccio più sano. Qualche anno fa, sarei uscito da lì deluso.

È stata una grande gara, eseguita bene, ma la cosa più promettente è che sto trovando la pace in acqua, invece di nuotare con rabbia e combatterla. Sto trovando una nuova versione di me stesso che mi piace molto, e penso che sia una versione che può fare davvero bene alle Olimpiadi.

Sono passati quasi 10 anni da quando proprio qui ho nuotato 57.9.

Qualificazione individuale centrata anche per  Keanna MacInnes nei 200 farfalla con il nuovo primato di Scozia (2.07.24).

VINCITORI DAY 1

  • 400 SL U – Kieran Bird 3.45.63
  • 200 FA D – Keanna Macinnes 2.07.24 – PASS OLIMPICO 2) Laura Stephens 2.07.37
  • 200 SL D – Freya Colbert 1.56.22, 2) Abbie Wood 1.56.62
  • 100 RA U – Adam Peaty 57.94 PASS OLIMPICO

Batterie. Concluso il primo turno di batterie presso il London Aquatics Centre, dove sono di scena le selezioni olimpiche britanniche sotto il cappello dell’evento denominato “Aquatics GB Championships“.  Nel corso delle qualificazione del mattino, Adam Peaty,  ha nuotato i 100 rana in  58.53 (27.09), suo primato personale stagionale e secondo tempo al mondo, difficile da capire il suo eventuale  margine per la finale pomeridiana, anche se dopo l’arrivo (video) non sembra aver pagato più di tanto la prestazione.

 

Articoli correlati

 

Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative