1888: una federazione per l’Olanda

Su impulso dei club di Arnhem e Amsterdam e dell’Hollandsche Dames Zwemclub, nel 1888, venne  fondata la Nederlandse Zwembond (NZB), la federazione di nuoto olandese.

5 club

Inizialmente il sodalizio poteva contare su cinque affiliazioni: l’Arnhemse Zwemclub, squadra di Arnhem, il Goudsche Zwemclub, organizzazione di Gouda, l’Hollandsche Dames Zwemclub di Amsterdam, il Leidsche Zwemclub di Leida e l’Amsterdamsche Zwemclub 1870, la famosa primogenita del nuoto olandese, anche lei di Amsterdam, fondata per l’appunto nel 1870.

Hollandsche Dames Zwemclub

Tra le società fondatrici spicca la particolarità di una associazione solo femminile, l’ Hollandsche Dames Zwemclub. Era il primo esempio di associazioni di questo tipo, frutto delle rivendicazioni di genere che cominciavano a prendere forma nella seconda parte del secolo. Il club era nato nel 1886 dall’intraprendenza di Johanna Elisabeth Triebels-Koen (1865 /1955), femminista e figura di spicco del nuoto olandese. Oltre ad essere la fondatrice, Elisabeth fu la presidente per molto tempo, praticamente fino alla vecchiaia, diventando famosa come la “madre nuotatrice“.

Pels Rijcken

Fu un certo Pels Rijcken di Arnhem, a proporre per primo un’ organizzazione nazionale per “insegnare a nuotare a tutto il popolo olandese“. Il 6 aprile 1888 istituì un comitato ad hoc, composto da D.Vrijdag, J.Th. Cattie e W. Westerman, considerati con lui i padri fondatori del movimento. Fu il 27 maggio di quell’anno che in una riunione a tre, tenutasi a Utrecht, decisero il tutto.

NZB – KNZB

La federazione nacque il giorno 14 del mese di Agosto di quel 1888. Nel 1909 entrò a far parte della FINA, istituita a Londra appena un anno prima. Dopo la prima guerra mondiale intraprese l’organizzazione di strutture territoriali, costruite a livello provinciale. Oggi la Koninklijke Nederlandse Zwembond (KNZB), col nome mutato per l’ottenimento del patrocinio reale, avvenuta nel 1933, conta  475 clubs affiliati e un totale di 153,000 aderenti.

Campionati federali?

Alla cosiddetta festa del Nuoto di Amsterdam di quel primo anno di attività, si mise in luce un certo L.E.Basselzen di Gouda, che vinse la prova dei 600 metri in 12’35″e 2/5.

Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative