Simulazione olimpica al St Peters Western Swim Club di Brisbane.

Mentre a Sydney si svolgevano i 2024 Sydney Open – Unisport, a Brisbane andava in scena la simulazione dei Giochi Olimpici di Parigi voluta dal capo-allenatore Dean Boxall per i suoi atleti – probabili olimpici –  del club St Peters Western Swim Club di Brisbane (SPW), Ariarne Titmus, Mollie O’Callaghan, Elijah Winnington, Shayna Jack, Kai Taylor, Brianna Throssell, Jack Cartwright, Kiah Melverton, Abbey Harkin, Jenna Forrester.

Il gruppo di allenamento di Dean Boxall (47) è probabilmente uno dei più forti al mondo insieme a quello di coach Bob Bowman in Arizona – in corso di trasferimento in Texas –   e quello tedesco del SC Magdeburg guidato dal tecnico Bernd Berkhahn.  I tre gruppi insieme contano un potenziale di medaglie olimpiche impressionante.

Segue la presentazione della giornata di simulazione di Brisbane per voce del tecnico Dean Boxall, 

Il programma svolto 

  • 06:00 – 06:30 Apertura cancelli e sistemazione degli spettatori
  • 06:30 – 06:45 Ingresso nuotatori e riscaldamento
  • 06:45 – 08:45 – Simulazione gare
  • 08:45 – 09:00 Conclusione dell’evento

Nel corso della giornata è stata organizzata anche un asta per raccogliere fondi a sostegno dell’attività svolta dal club.

La vigilia di Dean Boxall

“Parcheggeranno e verranno prelevati da un autobus e lasciati in piscina. Attraverseranno un ingresso sul retro della piscina come farebbero a Parigi. Non attraverseranno l’ingresso pubblico. Ci sarà una stanza della squadra. Una sala di smistamento. La folla, i VIP e i media.

A loro verrà chiesto di parlare con i media anche alla fine delle loro sessioni. Stiamo cercando di inserire ogni elemento nell’evento simulato.”

“Quello che sto cercando di fare è simulare un ambiente per far crescere la tensione. So che non possiamo ricreare  le Olimpiadi, ma voglio qualcosa di speciale e unico … Non posso riprodurlo, ma quello che posso fare è modificare l’ambiente di allenamento per farli sentire fuori controllo, perché non l’hanno mai visto prima”.

Articoli correlati

 

ASCA World Clinic 2024

Orlando (USA)
04-09-24
Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative